chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - ePlatforma za izobraževanje odraslih v Evropi

Novinarsko središče

Primo meeting del progetto "Foster access to VET mobility for youngsters with SEN"

03/03/2020
objavil Elena Ceretta
Jezik: IT

Il 13 e 14 febbraio si è tenuto a Vicenza il primo meeting di coordinamento del progetto di Partenariato Strategico "Foster access to VET mobility for youngsters with SEN" co-finanziato dal programma Erasmus Plus. 

Il progetto è coordinato da FORTES Impresa Sociale e coinvolge altri 7 partner europei che operano nell'ambito della mobilità VET.

L’obiettivo del progetto è quello di facilitare l’accesso ai progetti di mobilità europea ambito VET ai ragazzi con bisogni speciali favorendo così la loro integrazione nel mondo del lavoro. Ai fini del raggiungimento di questo obiettivo, il progetto intende da un lato rafforzare la rete fra organizzazioni di accoglienza e di invio provenienti da diversi paesi europei, e dall’altro sviluppare reti locali fra soggetti che lavorano per l’inclusione dei giovani con disabilità nei tre ambiti: istruzione, inserimento lavorativo e sociale.  

Il progetto è iniziato il primo ottobre 2019 e terminerà il 30 settembre 2021. 

Nei prossimi mesi, in ciascun paese coinvolto saranno realizzate le seguenti attività progettuali:

- Un’analisi di contesto per ciascun paese partner con la quale si andranno a studiare il quadro normativo, le metodologie e i servizi a favore dell’inclusione delle persone con disabilità fisiche, psichiche o intellettive nei tre ambiti: educativo, lavorativo e sociale;

- La creazione di reti locali in ciascun paese che mettano in relazione soggetti pubblici e privati coinvolti nel processo di inclusione delle persone con disabilità e la realizzazione di 3 tavole rotonde finalizzate a creare le basi di una collaborazione futura per l’invio e l’accoglienza di studenti con bisogni speciali in progetti di mobilità europea;

- La realizzazione di 3 eventi di formazione transazionali (a Madrid, Vicenza e Varsavia) per lo staff coinvolto nella gestione di progetti di mobilità per giovani al fine di favorire lo scambio di esperienze tra i partner, confrontare diversi sistemi di inclusione e sviluppare idee e soluzioni;

- La raccolta delle buone pratiche individuate in un e-book liberamente consultabile;

- Realizzazione di attività locali per la disseminazione dei risultati di progetto.

 

 

A termine del progetto ci si attende il raggiungimento dei seguenti risultati e impatti:

  1. Una rinforzata collaborazione tra organizzazioni europee che lavorano nell’ambito della mobilità europea attraverso lo scambio di esperienze e buone pratiche;
  2. Lo sviluppo di reti locali fra istituzioni scolastiche, centri di formazione, aziende ed enti intermediari;
  3. Un’accresciuta consapevolezza fra istituzioni e cittadinanza sui temi dell’inclusione sociale, la non discriminazione e l’equità;
  4. Facilitato l’accesso alle opportunità di mobilità europea ambito VET per i giovani con bisogni speciali.

 

 

Elena Ceretta

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn