chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - Platforma electronică pentru educația adulților în Europa

Spațiul de știri

Educazione degli adulti e tutela dell’ambiente: le opportunità della community EPALE

08/07/2016
de Daniela Ermini
Limba: IT

/ro/file/ambienteistock34498990rszjpg-0ambienteistock_34498990_rsz.jpg

Mappamondo trasparente sull'erba

 

Torna in autunno l’appuntamento con i seminari tematici EPALE, un’occasione per presentare la piattaforma elettronica EPALE, con tutte le sue opportunità e potenzialità, e approfondire uno dei temi dell’ambito educazione degli adulti di interesse globale.

Dopo aver parlato del valore educativo dello sport a Urbino (21 marzo), di educazione in carcere a Napoli (4 e 5 aprile), e di learning city a Bologna (16 maggio), l’Unità Epale Italia, in collaborazione con Fondazione Edmund Mach e Appa Trento - Agenzia provinciale per la protezione ambientale -, propone questa volta una discussione sull’educazione ambientale con il seminario "Educazione degli adulti e tutela dell’ambiente: le opportunità della community EPALE", che si articolerà in due giornate (27 e 28 settembre 2016) e in due diverse sedi (San Michele all’Adige e Fondo, entrambe in provincia di Trento).

 

Educare all’ambiente, educare al futuro

La cura dell’ambiente rappresenta una sfida per il nostro presente e per quello delle generazioni future. Educare alla sostenibilità, attivare processi di cambiamento degli stili di vita, optare per scelte dirette verso un modello che rispetti l’ambiente, limiti la produzione dei rifiuti e incoraggi piuttosto il riutilizzo e la rigenerazione delle risorse, valorizzare le eccellenze e le esperienze di educazione allo sviluppo sostenibile realizzate negli ultimi anni. In poche parole: orientarsi verso una società più ecologica, più equa e più solidale.

Che ruolo può avere l’educazione in tutto ciò?

A chi spetta il compito di formare e informare i cittadini? Si fa educazione ambientale fuori dalla scuola? È possibile pensare ad un’educazione che non sia frontale ma partecipativa, che incoraggi i cittadini ad essere parte attiva del cambiamento e a guardare al futuro con lungimiranza? Attraverso percorsi di educazione formale, informale e non formale spossiamo costruire un’Europa più verde e un mondo più sostenibile?

/ro/file/ambiente-europajpgambiente-europa.jpg

Di tutto questo si discuterà nelle due giornate Epale, grazie agli interventi di esperti, visite guidate e discussioni aperte. I lavori inizieranno il 27 settembre a San Michele all’Adige (TN), nella sede della Fondazione Mach, un’eccellenza trentina e una struttura unica in Italia, importante centro di ricerca scientifica, istruzione, formazione e sperimentazione nel settore agricolo, agroalimentare e ambientale. Dopo una panoramica sull’educazione ambientale in Trentino, a cura di APPA Trento, l’Agenzia provinciale per la protezione ambientale, i ricercatori della Fondazione Mach parleranno di agricoltura sostenibile e delle più recenti applicazioni per il recupero energetico dall’agricoltura ai rifiuti urbani. Al termine della prima giornata è previsto il trasferimento con navetta a Fondo (TN) dove il giorno successivo i lavori proseguiranno presso l’Hotel Lady Maria.

Tra i relatori della seconda giornata saranno presenti Paolo Tamburini, Dirigente Regione Emilia-Romagna, Comitato scientifico DESS Unesco Italia, con un intervento sull’educazione alla sostenibilità in Italia, Remo Bonadiman dell’Associazione Amici del Cammino di Santiago, con un intervento sul turismo sostenibile e i presidenti di Bio Energy e della Comunità di Valle che introdurranno alla visita del teleriscaldamento e dell’Isola ecologica, due eccellenze nazionali e tra le poche in Europa.

In entrambe le giornate sarà dato ampio spazio alle domande, al confronto e al dibattito fra i partecipanti nonché alla creazione di comunità di pratiche all’interno di EPALE, uno spazio specificamente creato all’interno della piattaforma per permettere lo scambio e la discussione tra i soggetti interessati.

Il seminario si rivolge a docenti, volontari, formatori e a tutti coloro che svolgono attività formative formali e non formali in ambito di educazione ambientale e/o sono interessati alla tematiche del riciclo e della sostenibilità.

I posti disponibili sono 50. Per fare richiesta di partecipazione è necessario compilare la scheda on line entro e non oltre lunedì 1 agosto 2016 alle ore 12:00 (link rimosso, iscrizioni chiuse).

Per i partecipanti selezionati le spese di viaggio, vitto e alloggio sono a carico dell’Unità nazionale EPALE.

Altre informazioni sull'evento.

 

/ro/file/programma-defintivo-epale-trentinopdfprogramma-defintivo-epale-trentino.pdf (aggiornamento 19 settembre)

 

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn Share on email