Przejdź do treści
News
Aktualności

Porte aperte all’istruzione, online il nuovo volume curato da IPRASE

È stato recentemente pubblicato e reso disponibile online uno studio curato da Iprase sull'istruzione degli adulti in Trentino frutto di un percorso formativo che ha coinvolto per tutto il 2019 i docenti dei cosiddetti "corsi propedeutici" previsti dalla norma.

La normativa provinciale trentina, in sintonia con quella nazionale, prevede, all’articolo 8, comma 3 del Regolamento sull’assetto organizzativo e didattico dell’educazione degli adulti in provincia di Trento, che: «in assenza della certificazione conclusiva della scuola primaria, l’orario complessivo annuale previsto per il primo periodo didattico può essere incrementato fino a un massimo di ulteriori 200 ore, in relazione ai saperi e alle competenze possedute dallo studente». Tale percorso formativo, che può estendersi, dunque, sino ad un massimo di “200 ore”, in Trentino viene denominato “Propedeutico” configurandosi, nei fatti e per l’appunto, come propedeutico e preparatorio alla Scuola Secondaria di Primo Grado – EDA (Primo livello - Primo periodo didattico). Il percorso si propone, infatti, di favorire il rientro in formazione delle persone con un basso livello di scolarità o a scolarità interrotta, promuovendo lo sviluppo e il consolidamento delle competenze linguistiche e disciplinari di base da un lato, e approcciando il linguaggio specifico delle discipline e il metodo di studio dall’altro.

Il volume "Porte aperte all’istruzione. Un percorso formativo sui saperi di base nell’educazione degli adulti", curato da Alessandro Borri e Catia Civettini, rispecchia nei contenuti le tappe che hanno caratterizzato l’impegno del gruppo di lavoro – composto da docenti delle varie discipline e coordinato dal formatore Alessandro Borri (CPIA Montagna di Castel di Casio) – che si è costituito all’interno del percorso di formazione Insegnare nella complessità. I saperi di base nelle classi plurilingue, progettato e organizzato da Iprase e svoltosi a Rovereto nel periodo novembre 2018 – giugno 2019.Durante il percorso formativo, i docenti che lavorano nei corsi propedeutici hanno definito modalità di accoglienza degli studenti, predisposto materiali relativi alla stessa accoglienza (test, rubriche), ma anche alla verifica degli apprendimenti, giungendo a definire delle specifiche linee guida.Il volume inizia con due contributi di Borri che propongono, in apertura, un’analisi delle peculiarità dell’Educazione degli adulti in Trentino e della normativa sia provinciale sia nazionale; analisi seguita da una disamina delle caratteristiche proprie dell’utenza del Propedeutico, ossia studenti adulti con debole scolarità e percorsi di formazione spesso interrotti bruscamente, dei bisogni specifici degli studenti coinvolti in siffatto percorso di studi, e degli approcci didattici più adeguati ed efficaci nell’ambito di tale segmento formativo.Il testo di Elvira Zuin, presenta, invece, i “Piani di Studio del Propedeutico”, elaborati dagli insegnanti durante il percorso formativo, e qui inseriti quale concreta proposta operativa per organizzare e pianificare le attività di classe.I contributi successivi, ad opera di docenti dei Centri EDA trentini, ripercorrono i momenti fondamentali dell’accoglienza e della valutazione conclusiva del Propedeutico, esplicitano le modalità più adeguate alla gestione del colloquio iniziale conoscitivo e propongono i materiali (prove e rubriche di osservazione e di valutazione) utili a testare il livello linguistico e a misurare le competenze matematiche in entrata. Riportano, inoltre, indicazioni ed esempi di prove in uscita, con riferimento all’italiano, che per gli studenti stranieri è lingua due, e alla matematica.Concludono la pubblicazione due contributi di Clara Benazzoli, che presentano lo strumento del lapbook ed una sua concreta realizzazione all’interno di un’Unità di Apprendimento interdisciplinare. Tale UDA è sviluppata, seguendo una strutturazione gestaltica, in fasi ben precise e condotta con metodologie cooperative ispirate ad alcuni principi del Mutually Adaptive Learning Paradigm, presentato da Borri nei suoi contributi.

 

 


Porte aperte all’istruzione. Un percorso formativo sui saperi di base nell’educazione degli adulti

a cura di Alessandro Borri, Catia CivettiniIprase, Dicembre 2019

>> Vai alla scheda e scarica la copia in pdf

Categoria: Volumi + file materiali

Area tematica: Educazione degli adulti

 




Contatta gli autori per approfondimenti sul lavoro svolto

Alessandro Borri: alexandros@cpiamontagna.it



IPRASE - Istituto provinciale per la ricerca e la sperimentazione educativa - sito web (link is external)

Login (1)

Chcesz napisać artykuł?

Nie wahaj się!

Kliknij na poniższy link i dodaj nowy artykuł!

Najnowsze dyskusje

Dyskusja EPALE: Blended learning w edukacji dorosłych

W czwartek 26 listopada 2020 r., od godz. 10.00 do 16.00, EPALE będzie gospodarzem internetowej dyskusji na temat blended learning w edukacji dorosłych. Dyskusja będzie miała zupełnie nowy format, zaczynając od 30-minutowej transmisji na żywo, której towarzyszyć będzie rozmowa w formie komentarzy na platformie.

Więcej

Dyskusja EPALE: Integracja społeczna starzejącego się społeczeństwa i edukacja międzypokoleniowa

W środę 28 października, od godziny 10.00, EPALE będzie gospodarzem internetowej dyskusji na temat integracji społecznej starzejącego się społeczeństwa i edukacji międzypokoleniowej. Komentarze będą otwarte 19 października, aby uczestnicy mogli się przedstawić i zamieścić swoje uwagi z wyprzedzeniem. Dołącz do dyskusji!

Więcej

Dyskusja EPALE: Zapewnienie edukacji w zakresie podstawowych umiejętności

Podstawowe umiejętności są przekrojowe. Są one istotne nie tylko dla edukacji, ale także dla polityki zatrudnienia, zdrowotnej, społecznej i środowiskowej.  Dyskusja online odbędzie się na tej stronie w dniach 16-17 września w godzinach 10:00-16:00 CET i będzie moderowana przez koordynatorów tematycznych EPALE Gracielę Sbertoli (sekretarza generalnego EBSN) i Tamása Harangozó.

Więcej