chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - Elektronisch platform voor volwasseneneducatie in Europa

Blogs

Mariadaniela Sfarra, una Storia della Community dall'Italia

15/06/2020
door EPALE Italia
Taal: IT
Document available also in: EN FR

Ho 46 anni. Sono docente di Discipline letterarie nel Percorso di II livello per Adulti all' ITS Aterno-Manthonè di Pescara, dove lavoro da circa 10 anni. Coordino progetti formativi e laboratori linguistici per studenti autoctoni e non. Ho ricoperto il ruolo di Cultore della Materia nella Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di L'Aquila e mi sono occupata di Dispersione Scolastica. Per la formazione di docenti di Scuola Secondaria mi sono stati affidati vari laboratori nella SSIS, il ruolo di Tutor Coordinatore nel TFA e di Consulente per il Miglioramento Scolastico per le scuole.

Ho scoperto la piattaforma Epale nel 2017 navigando in Internet, alla ricerca di utili spunti per il mio lavoro. Mi sono iscritta e ho pubblicato nel gennaio 2018 il primo articolo, che raccontava di un progetto formativo per la promozione della lettura tra gli adulti, realizzato nella mia scuola. L'esperienza narrata ha avuto poi un bel risalto sui canali social di Epale. Sono stata poi invitata a relazionare su questo lavoro all'AperiEPALE di Teramo dello stesso anno, al fine di promuovere il Corso nel quale insegno e le sue varie attività. Ora sono ambasciatrice Epale per l'Abruzzo.

La lontananza degli studenti da scuola, causata dal lockdown, è stata gestita con un efficace potenziamento della didattica a distanza, già in precedenza applicata, come previsto dalla normativa vigente per la specificità dell'indirizzo. Il possibile rischio della lontananza è stato che si creassero a livello educativo delle distanze significative, perchè l'utenza è formata da adulti rientrati nel sistema formativo e da minorenni che hanno già sperimentato insuccessi scolastici. Un'eventualità sventata, in quanto questa fase è stata impiegata come una possibilità di sperimentare nuove strategie di insegnamento, utilizzando piattaforme, videolezioni, classi virtuali e gruppi di lavoro on line, favorendo il confronto con i docenti e tra studenti.

In particolare, un'esperienza artistico-espressiva, che ho condotto con metodo autobiografico, ha coinvolto nella prima fase gli studenti del primo anno, poi anche altri del terzo e del quinto, per circa due mesi. Per i discenti del primo anno il lavoro è stato il prosieguo di un percorso già avviato in presenza, prima del lockdown, con la conoscenza di noti testi poetici.

Gli studenti sono stati invitati a scrivere composizioni poetiche che esprimessero stati d'animo ed emozioni in modo creativo.

Gli studenti coinvolti hanno un'età compresa tra i 16 e i 44 anni e, nonostante la diversità di esperienze vissute, sono stati entusiasti nel parlare di sé in una forma inconsueta, con risultati sorprendenti. Descrivono la lontananza dagli affetti, la difficoltà di impegnare il tempo, il rancore, la preoccupazione per il lavoro perso e tanto altro. Emerge con forza nella riflessione di uno studente "questa voglia di scappare, questa voglia di sognare", mentre una studentessa scrive "mi mancano i miei compagni, una spalla accanto quando eravamo a lezione, e lo sguardo rassicurante dei miei professori". I testi sono il prodotto della DaD (Didattica a Distanza) di questo tempo e frutto dell'adesione dell'Istituto al progetto "Lontani ma vicini promosso" dall’IdO e dall’agenzia di stampa Dire-Diregiovani nell’ambito delle attività della task force del Ministero dell’Istruzione.

I contenuti sono pubblicati sul giornale La scuola fa notizia, promosso da diregiovani.it, a questo link  condivisi anche attraverso Epale. In una seconda fase del progetto, i discenti del quinto anno hanno espresso delle considerazioni in relazione al non poter condividere a scuola con i compagni lo stato d'animo tipico dei maturandi, con i loro timori e le speranze per un futuro lavorativo migliore. 

Oltre alla poesia e alla narrazione, anche la fotografia è stata utilizzata per comunicare le emozioni di alcuni scrittori del primo e del terzo anno.

A questo link è possibile leggere tutti gli elaborati, insieme ai lavori coordinati dalle mie colleghe di inglese e francese. Il successo della DaD è stato amplificato e sostenuto dalla condivisione dei contributi pubblicati con tutti gli iscritti al corso serale tramite il gruppo chiuso Facebook dedicato e la pagina Facebook d'Istituto

The success of the DaD project was demonstrated by the sharing of the contributions published with all those enrolled on the evening course through the closed Facebook group the Institute’s Facebook page (www.facebook.com/SeraleAternoManthone/). Ciò ha generato uno spirito di iniziativa e il desiderio di essere coinvolti.

Immaginando il rientro in classe a settembre, non vi è dubbio che le competenze TIC saranno meglio integrate con l'insegnamento.

Ciò andrà sicuramente a beneficio di quegli studenti iscritti ai corsi che non possono frequentare regolarmente le lezioni di persona. Questo promette di essere un mezzo efficace per ridurre il rischio di abbandono scolastico precoce.

 


 

 

Non vediamo l'ora di ascoltare la tua storia. Condividi la tua storia oggi stesso!

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn Share on email