chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - Eiropas Pieaugušo izglītības e-platforma

Emuārs

Free Thinking – Insegnamenti dai sopravvissuti alla schiavitù moderna – Prima parte

06/01/2020
Jane Williamson
Valoda: IT
Document available also in: EN FR DE PL ES

A student's hands holding up the Northern College wristband with her thumbs forming a heart below

"Oggi posso dire di essere una persona più forte, con una grande motivazione. Sono fiero delle mie conquiste, mi sento più sicuro di me stesso e voglio essere autonomo."

Studente di Free Thinking e sopravvissuto al traffico di esseri umani, luglio 2019

 

Free Thinking è un corso di formazione residenziale dedicato ai sopravvissuti della schiavitù moderna e del traffico di esseri umani. Il programma, il primo nel suo genere, è stato sviluppato nel 2018 dal Northern College, nel South Yorkshire. Da allora, sono sempre più evidenti i suoi benefici a lungo termine: sono infatti già 40 gli studenti diplomati nell'ambito del corso Free Thinking, molti dei quali hanno trovato lavoro o continuano a studiare.

 

Il corso Free Thinking è costituito da varie materie a indirizzo prevalentemente pratico e creativo, come per esempio "Primo Soccorso" e "Fotografia Digitale", cui si aggiungono seminari settimanali su argomenti come "Competenze sul lavoro" e "Informatica". Anche il corso "Vivere nel Regno Unito" viene impartito settimanalmente e ha riscosso grande successo tra gli studenti. Le lezioni trattano, tra gli altri, temi di storia e geografia delle isole britanniche, cittadinanza, amministrazione e democrazia, servizi pubblici e, di fondamentale importanza, diritti sul lavoro. Il programma è pensato per aiutare gli studenti a migliorare l'uso quotidiano della lingua inglese, acquisire sicurezza e sviluppare le competenze necessarie per vivere e lavorare nel Regno Unito. L'iniziativa ha rappresentato un'assoluta novità in un panorama in cui, a parte i corsi ESOL, il settore dell'istruzione per adulti offriva ben poche competenze a cui attingere. Si può dunque dire che abbiamo iniziato da zero e che poi, nel corso del tempo, i contenuti del corso si sono evoluti, soprattutto in risposta ai riscontri e alle opinioni degli studenti.
 


/it/file/northerncollegelgopngnorthern_college_lgo.png

Northern College logo

 

Fin dal principio, abbiamo collaborato con specialisti dei vari settori e ricevuto enorme appoggio da polizia, docenti universitari e, soprattutto, da volontari esperti nell'ambito dell'assistenza in prima linea ai sopravvissuti. I progetti City Hearts, Ashiana e Snowdrop, attivi nel South Yorkshire, oltre a indirizzare i propri utenti verso Free Thinking, hanno fornito consigli inestimabili, supporto e formazione al personale scolastico. Grazie al loro aiuto, abbiamo potuto realizzare un programma adatto alle esigenze degli studenti ma che non replichi la formazione o il supporto psicologico offerto già altrove.


/it/file/northerncollegejpgnorthern_college.jpg

Outer facade of Northern College

Il Northern College è una struttura residenziale, e gli studenti Free Thinking pernottano da noi due volte a settimana. Gli studenti sono generalmente considerati persone altamente vulnerabili, per cui è stato di vitale importanza instaurare buone relazioni con le organizzazioni di provenienza e fare della valutazione del rischio una priorità assoluta. Questa stretta collaborazione professionale permette, inoltre, che gli studenti familiarizzino con la nostra scuola prima di iscriversi e ricevano il necessario supporto una volta qui.

 

In ogni caso, gli insegnamenti che abbiamo tratto dai nostri studenti superano di gran lunga quelli che avremmo potuto ottenere da qualunque tipo di organizzazione o preparazione. In qualità di organizzatrice e tutor responsabile del programma, ho avuto il piacere di conoscere tutti gli studenti e tutti i professionisti impegnati nel campo della prevenzione della schiavitù moderna. Ecco tre delle cose più importanti che ho imparato nell'ultimo anno e mezzo.


 

1. L'industria della schiavitù è ancora fiorente.

Come la maggior parte della gente, anch'io ero completamente ignara della portata del fenomeno della schiavitù moderna e del traffico di esseri umani nel Regno Unito. Parliamo di sfruttamento sessuale e prostituzione coatta, schiavitù domestica, matrimoni forzati, sfruttamento lavorativo e di attività criminali come accattonaggio, furti, truffe e reati collegati alla droga. La consapevolezza su questi temi è in crescita all'interno di istituzioni come forze dell'ordine e servizio sanitario nazionale, così come tra la gente comune ma, purtroppo, ogni anno aumentano anche le potenziali vittime. Lo scorso anno, 6.993 persone hanno usufruito dei servizi di sostegno offerti dallo Stato ma, poiché il traffico di esseri umani è un crimine "sommerso", dobbiamo considerare queste cifre come la sola punta dell'iceberg: nel 2016, l'Indice della schiavitù globale ha stimato che, nel Regno Unito, erano ben 136.000 le persone che vivevano ogni giorno in una condizione di schiavitù moderna. Il sito web della Human Trafficking Foundation (collegamento esterno) fornisce molte informazioni sul traffico di esseri umani e consigli su come individuare il fenomeno e adottare le necessarie misure per combatterlo. 

 

La seconda parte dell'articolo è reperibile qui (collegamento esterno).

 



/it/file/janewilliamsonjpg-0jane_williamson.jpg

Jane Williamson

Jane Williamson 

Jane Williamson è la Tutor organizzatrice dell'ambito Schiavitù moderna al Northern College.
Si occupa di sviluppare e coordinare il programma Free Thinking, oltre che insegnare al suo interno.
Per restare aggiornati sul programma Free Thinking, è possibile seguire Jane su Twitter @jwilliamson0204 (collegamento esterno).

 

 

Potrebbero anche interessarvi:

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn