chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Educazione in carcere

Diritto al rispetto della soggettività delle persone detenute per contrastare la disperante sensazione che vivono rispetto all’oblio da parte del mondo esterno, riconoscimento della propria identità  nell’accoglienza delle persone migranti, che non si limiti alla mera identificazione anagrafica ma intesa come interesse per la loro progettualità di vita, su questi aspetti e su molti altri le parole illuminanti e profonde di Mauro Palma, Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private

L'Unità EPALE Italia amplia e potenzia la rete degli stakeholder. Resoconto dei due incontri di lavoro presso le sedi Indire di Roma e Firenze per una maggiore precisazione di compiti e specificità di intervento dei vari attori coinvolti

Il teatro in carcere è un potente mezzo di educazione e risocializzazione. Nella realtà chiusa del carcere, luogo lontano dalla società civile, il teatro serve anche a mantenere le tracce del mondo esterno che al termine della pena incontrerà di nuovo persone con un bagaglio pesante alle spalle sulle quali i percorsi della rieducazione possono incidere in maniera determinante. Lavorare sulla costruzione di uno spettacolo permette di vivere in prima persona un percorso individuale e di gruppo nella propria storia e recuperare il passato per comprenderlo meglio.

Il premio, giunto quest’anno all’ottava edizione, propone un progetto speciale sul tema della follia in carcere, dal titolo “Collective Writing”.
Per questo progetto sono stati individuati sei autori che si sono distinti nelle precedenti edizioni, a cui è stato chiesto di scrivere, attraverso la loro esperienza, un racconto sul tema individuato per il progetto.

Con questo calendario non senza ambizione abbiamo voluto far entrare in un luogo di detenzione, dove ogni forma di bellezza sembra essere bandita, qualcosa che a nostro avviso è in grado di veicolare facilmente emozioni e sentimenti positivi. Noi siamo convinti che attraverso l’arte l’animo umano possa predisporsi verso il recupero della dimensione smarrita, aiutandolo a nobilitarsi o se non altro a mostrargli un ALTROVE dove eventualmente ritrovarsi.

Sedici anni fa, un gruppo di giovani siracusani decide di costituirsi in cooperativa sociale, scegliendo come nome “L’Arcolaio”. Obiettivo della cooperativa è quello di favorire il reinserimento socio-lavorativo delle persone ristrette negli Istituti di Prevenzione e Pena e  altri gruppi vulnerabili.
11 Settembre 2019
by wilma greco
(it)
Si è da poco concluso nella Casa Circondariale di Agrigento il laboratorio di disegno, rivolto a  20 ristretti. Un evento unico, trattandosi di detenuti della sezione di alta sicurezza, esempio che comincia a trovare concretezza l’idea che “non serve buttare le chiavi” ma piuttosto trovare “la chiave per far girare le vite”.
23 Luglio 2019
by wilma greco
(it)

Il CPIA di Terni ha messo a punto, presso la casa circondariale di Terni, il progetto PiantiAMOla. Si è trattato di un’attività di grande valore che ha puntato direttamente alla formazione dei detenuti, unendo il carattere pratico con l’aspetto teorico. Sono stati coinvolti nel progetto 12 detenuti protetti, che sono stati impegnati nella realizzazione di coltivazioni in serra all’interno della stessa struttura detentiva.

3 Luglio 2019
by Giorgio Rini
(it)

Principale attività della Cooperativa Lazzarelle è la produzione del caffè artigianale, seguendo l’antica tradizione di Napoli. 
Valore aggiunto della Cooperativa è quello di coinvolgere due soggetti deboli: da una parte le donne detenute e dall’altra i piccoli produttori di caffè del sud del mondo. I grani di caffè sono acquistati dalla Cooperativa Shadhilly, che promuove progetti di cooperazione con i piccoli produttori.

1 Aprile 2019
by EPALE Italia
(it)
2 Commenti

Pubblicato il volume "La formazione dell'educatore penitenziario minorile 2.0. Nuovi scenari di adultizzazione del sistema" a cura di Marco Brancucci. Il volume è rivolto alla formazione di competenze professionali specifiche per educatori penitenziari minorili e coniuga riflessioni teoriche di pedagogia generale e sociale con le attuali politiche in materia di giustizia minorile.

28 Gennaio 2019
by Marco Brancucci
(it)

Secondo Hannele Martikainen, regista impegnata nel teatro in carcere, partecipare e avere successo in una produzione teatrale può essere un’esperienza rivoluzionaria per un detenuto. Uno dei presupposti di tale successo è il processo volto a favorire l'impegno con una ripida curva di apprendimento.

23 Ottobre 2018
by Rumen HALACHEV
(en)
2 Commenti

Fare esperienza del carcere, avvicinarvisi in chiave e prospettiva pedagogica almeno una volta nella vita, può significare venire a contatto con una realtà sociale che, all’apparenza, nel sentire comune, potrebbe apparire lontana dal fare educazione che, in quanto tale, presuppone invece l’assenza di ogni tipo di coercizione.

25 Luglio 2018
by Marco Brancucci
(it)
Giovedì 7 Novembre 2019, United Kingdom

Clinks training: Working and volunteering in prison, North West

Clinks is providing a one-day training course that helps to prepare voluntary workers to work in prisons. The event will take place in Liverpool, although training can be organised onsite if an organisation requires it. Training will cover a range of topics and give special focus to theory, self-reflection and practical guidance.

da Mercoledì 12 Giugno 2019 a Sabato 15 Giugno 2019, Ireland

17th International EPEA Training Conference: Past, Present & Future Education in Prison

The European Prison Education Association (EPEA) , together with its Irish branch, the Irish Prison Education Association, are holding its 17th International Training Conference taking place in Technological University (TU) Dublin between June 12th and 16th. 

da Lunedì 21 Ottobre 2019 a Mercoledì 23 Ottobre 2019, Turkey

Call for Papers: ADVED 2019- 5th International Conference on Advances in Education and Social Sciences

ADVED 2019- 5th INTERNATIONAL CONFERENCE ON ADVANCES IN EDUCATION AND SOCIAL SCIENCES

21-23 October, 2019ISTANBUL, Turkey

Website: http://www.ocerints.org/adved19   

Enquiries: adved19@gmail.com  

Organized by: International Organization Center of Academic Research

CALL FOR PAPERS:

You are invited to participate in ADVED 2019- 5th International Conference on Advances in Education and Social Sciences that will be held in ISTANBUL, Turkey on 21-23 October, 2019.

Martedì 2 Luglio 2019, United Kingdom

#ReImagineFE – the fourth CSPACE Reimagine Further Education Conference

The Centre for the Study of Practice and Culture in Education (CSPACE) are holding their fourth Reimagining Further Education Conference at Birmingham City University on 2 July 2019. The focus is on discussions developed within several working groups formed by delegates. Guests must pick a single working group to join for both the morning and afternoon sessions in order to provoke deeper discussions in specific areas of further education. There are a number of free tickets available. 

Mercoledì 10 Aprile 2019, Spain

Encuentro de centros de educación permanente ubicados en establecimientos penitenciarios o con atención a alumnado interno en los mismos

El próximo 10 de abril de 2019 tendrá lugar en el CEP de Sevilla un espacio de encuentro entre los centros que atienden al alumnado interno en centros penitenciarios de Andalucía. Principalmente consitirá en un intercambio de buenas prácticas entre aquellos profesionales que atienden a alumnado recluso desde centros de educación permanente ubicados en establecimientos penitenciarios o que estando fuera de dichos recintos los atiendan de forma semipresencial.

A continuación se indica el programa de la jornada y cómo registrarse en el evento:

 

PROGRAMA

da Venerdì 1 Marzo 2019 a Mercoledì 15 Maggio 2019, Italy

Farsi prossimo

A Bolzano da marzo a maggio 2019 il servizio Odós della Caritas della Diocesi di Bolzano organizza un corso per formare nuovi volontari intenzionati ad impegnarsi nel mondo delle persone private della libertà personale.

da Lunedì 1 Luglio 2019 a Mercoledì 3 Luglio 2019, Spain

EDULEARN19 (11th annual International Conference on Education and New Learning Technologies)

You are invited to join the 11th edition of EDULEARN (11th annual International Conference on Education and New Learning Technologies) that will be held in Palma de Mallorca (Spain) on the 1st, 2nd and 3rd of July 2019.

This conference will be the best opportunity to present and share your experiences in the fields of Education and New Learning Technologies in a multicultural and enriching atmosphere.

Every year, EDULEARN brings together over 800 delegates from 80 different countries.

There will be 3 presentation formats: Oral, Poster or Virtual.

La relazione sottostante rappresenta un progetto di potenziamento delle abilità emotive, sociali e trasversali, realizzato dall' Ass. "Sognatore nel deserto ONLUS" con un gruppo di detenuti della Casa Circondariale Giuseppe Salvia-Poggioreale di Napoli. "Prisoners of hope" è un progetto di recycling-upcycling che coniuga educazione degli adulti, sostenibilità ambientale e solidarietà internazionale. La vita del detenuto, trasfigurato nel manufatto da loro realizzato, diviene metafora di rinascita che diventa esso stesso dono per l'Altro, anche se appartenente ad una realtà percepita come distante.

Attraverso questo accordo, frutto di una sempre più fruttuosa collaborazione interistituzionale con il Provveditorato Regionale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, si intende pertanto promuovere, all’interno dei contesti carcerari, forme condivise e integrate di intervento volte a sostenere e potenziare i percorsi di istruzione e formazione in favore delle persone detenute presso gli istituti penitenziari della Liguria.

The project “I Sport-Inclusive Sport Project Opposed to Radicalization Tenets” brought together CEIPES, “Malaspina” Juvenile Detention Center, Refugee and Asylum Seekers Centers, as well as CUS Palermo – University Sports Center and the University of Palermo, in a cooperation that has had the main objective of combating the phenomenon of radicalization starting from the most difficult contexts of the Palermo society, promoting the inclusion and enhancement of cultural differences through sport practice.

Il ruolo della biblioteca per un carcere interculturale, plurilingue e inclusivo, questo il titolo dell'incontro svoltosi il 3 ottobre 2018 alla Biblioteca delle Oblate. Sintesi delle criticità emerse e discusse attorno ai quattro tavoli tematici di lavoro.

La relazione annuale del Garante al Parlamento: positivi gli sforzi messi in campo dall’Amministrazione penitenziaria nell’ultimo anno per migliorare l’attività lavorativa negli Istituti penitenziari, sia come numeri sia rispetto alla qualità del lavoro offerto, ma rimane ancora molto da fare. Grave invece la situazione negli hot spot dove sono violati i diritti fondamentali delle persone straniere.
Marcello Bortolato, coordinatore del Tavolo 2 degli Stati Generali, affronterà a Bari il tema dell’organizzazione della vita detentiva illustrando percorsi di responsabilizzazione adeguati alle caratteristiche delle persone detenute.
Nessun risultato