chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Risorsa

Relazione 2018 al Presidente della Repubblica del Garante nazionale delle persone detenute o private della libertà personale

Lingua: IT

Inviato da Martina Blasi

/it/file/palmamatarellajpgpalma_matarella.jpg

L'intensa attività di vigilanza sui luoghi di privazione della libertà personale - dalle carceri italiane, ai centri di permanenza per migranti, all'area sanitaria - è riportata nella Relazione annuale al Parlamento del Garante nazionale  Mauro Palma, consegnata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e presentata il 15 giugno alla presenza del presidente della Camera e del ministro della Giustizia.

La relazione segnala ancora una volta lo stato di sovraffollamento delle carceri, ma evidenzia anche criticità negli hotspot per i migranti dove il rispetto per i diritti umani - afferma Palma- è una pura dichiarazione di principio senza riscontro nella realtà, soprattutto se si pensa che si tratta di persone che non devono scontare alcuna pena.

La parola che meglio riassume il comune sentire delle diverse aree di intervento del Garante nazionale nell’anno 2018 è "attesa", che sottolinea lo stato di sospensione protratta in cui vivono le persone private della libertà personale che, secondo prospettive diverse e per motivi diversi, sono tutti soggetti accomunati dall'attesa di un segnale, un mutamento, esprimendo così dubbi, incertezze, ma anche la speranza di veder evolvere la loro condizione per non  rimanere - si legge nella relazione -  "En attendant Godot", ovvero nell’ineluttabilità di una condizione.

-------

bambini detenuti
Un capitolo a parte è dedicato ai bimbi sotto i tre anni che vivono in carcere insieme alle mamme detenute: sono otto. Quindici, di età fino ai 6 anni, invece stanno negli Istituti a custodia attenuata. Alcuni istituti sono attrezzati con sezioni o stanze nido ma altrove i bimbi vivono addirittura in promiscuità con le altre donne detenute. Altissimo poi il numero dei bambini che entrano in carcere a visitare i genitori: due milioni in Europa.

 
 
 
Autore/i della risorsa: 
Mauro Palma, Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale
Data di pubblicazione:
Martedì, 19 Giugno, 2018
Lingua del documento
Tipo di risorsa: 
Studi e relazioni
Paese:
Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn