chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Risorsa

Istruzione e Formazione professionale: un’opportunità per coniugare le esigenze di profughi e quelle dei datori di lavoro

Lingua: IT

Inviato da Daniela Ermini

Tra il 2015 e il 2016, quasi 2,5 milioni di richiedenti asilo sono stati registrati nei paesi dell’Unione Europea. Se molti sono in transito, è ragionevole pensare che altri vi resteranno stabilmente. 

L'integrazione a livello socio-economico-lavorativo dei migranti è un percorso delicato e complesso, spesso ostacolato da un sovrapporsi di fattori: un vissuto traumatico, uno scarso attaccamento al paese ospitante e, non ultimo, l’assenza di informazioni sulle opportunità di lavoro.

Il problema della valutazione delle loro competenze e abilità è senz’altro uno degli ostacoli più grossi all’ingresso nel mercato del lavoro.  Negli Stati Membri si sperimentano soluzioni diverse.

Alcuni hanno adottato misure innovative, come ad esempio le pratiche di autovalutazione tramite app mobili nelle principali lingue dei rifugiati pensate per facilitare il riconoscimento dei diplomi e favorire il successivo orientamento professionale. Ma che tipo di misure si possono mettere in atto quando i diplomi non ci sono? L’Italia, tramite gli Sprar, è impegnata a creare una rete di centri territoriali in grado di offrire ai richiedenti asilo e ai migranti umanitari dei percorsi di riqualificazione per il conseguimento di qualifiche professionali secondarie.

I percorsi di istruzione e formazione professionale rappresentano sempre uno strumento efficace e concreto per indirizzare i migranti verso una occupazione. Molti Stati Membri hanno intrapreso interventi volti a potenziare la qualità e la fruibilità dell’offerta formativa. Il monitoraggio regolare dei percorsi di IFP e dei percorsi pilota poi è di fondamentale importanza per adattarli alle nuove esigenze, garantirne l'impatto e l'utilizzo ottimale dei fondi pubblici.

La nota informativa del Cedefop che qui vi proponiamo presenta i risultati dell'indagine Cedefop-Ocse sullo stato dell'arte in Europa e sulle numerose inizative messe in atto dagli Stati membri.

Leggi il documento

/it/file/cedefopmigrantipdfIstruzione e formazione professionale: un'opportunità per coniugare le esigenze di profughi e datori di lavoro

Autore/i della risorsa: 
Cedefop www.cedefop.europa.eu
Data di pubblicazione:
Martedì, 8 Agosto, 2017
Lingua del documento
Tipo di risorsa: 
Studi e relazioni
Paese:
Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn