Salta al contenuto principale
News
Notizie

Strumenti per operatori a sostegno dell'occupazione delle donne

 

This article is also available in English

In Europa, più di un terzo delle donne lavoratrici (comprese le donne in cerca di occupazione) opera in prevalenza in 6 su 130 settori economici: commercio, assistenza sanitaria, lavori d’ufficio, ristorazione e pulizie (fonte Eurostat). Queste tipologie d’impiego sono generalmente sottopagate, spesso part-time e con orari antisociali.

Pertanto, il mercato del lavoro si suddivide in “occupazioni maschili”, meglio pagate e più stimolanti, e lavori tradizionalmente svolti da donne. Uno studio della Commissione europea descrive questo fenomeno come di "segregazione occupazionale" e di "segregazione di genere nel mercato del lavoro" (studio condotto da Francesca Bettio ed Alina Verashchagina).

Le più colpite da questo fenomeno sono le donne che cercano di reintegrarsi nel mercato del lavoro. Esse scelgono o sono indirizzate verso mansioni che credono o sono portate a credere siano appropriate alle loro competenze, molto spesso nel settore dell'assistenza o delle pulizie.

Il supporto da parte di una rete strutturata di operatori nella ricerca di lavoro svolge un ruolo cruciale nel senso di una riconversione delle donne poco qualificate verso quei settori a vocazione maschile, spesso meglio retribuiti e meno precari. In particolare, tale sostegno si rivela essenziale per ampliare gli orizzonti delle donne su un ventaglio più ampio di possibilità occupazionali.

Tale riconversione professionale rappresenta una fonte permanente di occupazione per le donne con minori opportunità di lavoro e in condizioni precarie. Ma le strutture di sostegno all'occupazione, i centri per l'impiego, le organizzazioni per la parità di accesso al mercato del lavoro, le agenzie per il lavoro, le iniziative locali per l'occupazione, ecc. possono non essere in grado di offrire un’assistenza adeguata verso un percorso di riqualificazione professionale.

Potrebbero mancare:

  • conoscenze di casi di riconversione professionale di successo;
  • argomentazioni a favore dei benefici che questo tipo di riqualificazione presenta, per convincere le donne con minori possibilità di accesso al mercato del lavoro;
  • informazioni e formazione adeguate sull’importanza della diversità nei luoghi di lavoro.

Il progetto "Gender Diversity means more employment", recentemente conclusosi nell’ambito del programma Erasmus+, in cui CIAPE - Centro italiano per l'apprendimento permanente è stato coinvolto come partner, offre strumenti per aumentare la consapevolezza e i livelli di formazione delle strutture di sostegno all'occupazione.

Innanzitutto, i centri per l’impiego possono beneficiare di una Guida in 10 punti tesa a sensibilizzare i centri per l'impiego sull’importanza della riconversione professionale, attraverso esempi concreti di riconversioni di successo in settori a vocazione maschile.

Inoltre, i partner del progetto hanno prodotto una Guida per l’organizzazione di visite aziendali di successo presso realtà aperte alla diversificazione professionale, che consentano di osservare da vicino come le mansioni tradizionalmente svolte da uomini possano essere, in realtà, svolte da lavoratrici.

Tali visite aziendali si rivolgono a donne con minori opportunità di accesso al mercato del lavoro e si pongono l’obiettivo di:

  • ampliare il ventaglio delle possibilità occupazionali;
  • osservare da vicino donne che ricoprono ruoli tradizionalmente considerati a vocazione maschile;
  • esplorare il loro interesse e la loro attitudine verso nuove possibilità occupazionali;
  • entrare in contatto con aziende aperte alla diversità.

Questa guida offre tutte le istruzioni per organizzare le visite aziendali e offrire alle donne in cerca di occupazione la possibilità di osservare ruoli professionali tradizionalmente maschili svolti da donne.

Infine, il progetto offre un Manuale di formazione rivolto ai professionisti che supportano le persone in cerca di occupazione, contenenti strumenti didattici cruciali per sostenere le donne con minori opportunità di accesso al lavoro nel loro processo di riconversione verso mansioni e occupazioni normalmente svolte da uomini.

Tutti gli strumenti possono essere scaricati gratuitamente in lingua francese, inglese, italiana e bulgara.

 

Contatti: Eleonora Perotti, Presidente di CIAPE – Centro Italiano per l’Apprendimento Permanente, ciape(@)ciape.it, www.ciape.it

Sito web del progetto: www.mixite.eu

 

This article is also available in English

 

Eleonora Perotti, President of CIAPE – Centro Italiano per l’Apprendimento Permanente

Login (3)

Vuoi scrivere un articolo?

Non esitare a farlo!

Clicca sul link seguente e inizia a pubblicare un nuovo articolo!

Ultime discussioni

Discussione EPALE: come incrementare l'educazione delle persone adulte con disabilità

Come parte del focus EPALE di Giugno dedicato al tema delle persone con disabilità, vorremmo conoscere i vostri punti di vista su come valorizzare ed incrementare l'educazione degli adulti con disabilità. La discussione è in programma il giorno 8 giugno alle ore 14:00 CEST.
Altro