Salta al contenuto principale
News
Notizie

Resilienza e apprendimento a distanza: terzo training Key-Co System e nuovi modi per costruire la fase post-pandemia

La scorsa settimana, la terza formazione del personale del progetto Key-Co System avrebbe dovuto svolgersi a Palermo. Lo staff delle organizzazioni partner si sarebbe riunito in Sicilia da Spagna, Germania e Grecia per prendere parte a un'esperienza molto stimolante guidata dai membri di Giocherenda, un collettivo artistico di giovani migranti che vengono in Italia dall'Africa e con la partecipazione di Massimiliano Schirinzi, insegnante presso l'Università di Palermo.

La pandemia causata da COVID-19 ci ha costretti a cambiare tutti i piani e a rinviare questo addestramento, ma pensiamo che dietro a questo evento ci sia una possibilità nascosta.

Come accennato, la formazione proposta da Key-Co System era un'attività progettata dai giovani rifugiati che compongono Giocherenda. Inventano, costruiscono e animano giochi che stimolano la fantasia, le narrazioni e le categorie di solidarietà e offrono un seminario di creatività e narrazione come forma di educazione all'interculturalità, all'empatia e alla cittadinanza attiva e inclusiva. Questi giovani migranti non sono intesi come testimoni di una realtà atroce o vittime senza speranza e capacità di agire, ma come promotori di solidarietà, creatori e attori di mondi fantastici, storie avvincenti e miti che si legano. Lo psicologo sociale P. Zimbardo, professore emerito presso la Stanford University, ha incontrato anni fa i membri della Giocherenda a Palermo e ha deciso di sponsorizzare la loro formazione come trainer dell'Heroic Imagination Project (HIP), un percorso di educazione alla resilienza. Loro stessi sono un esempio di resilienza e attraverso i loro allenamenti vogliono mostrare come rimanere umani anche nelle situazioni più tossiche, sviluppando creatività, empatia e il coraggio di cambiare, celebrando sconfitte e ostacoli.

Gli insegnamenti che Giocherenda può darci sono particolarmente adatti a questi tempi: resilienza e capacità di adattamento sono una caratteristica che tutti hanno imparato durante la diffusione della pandemia. Al giorno d'oggi, la ricerca della stabilità sociale ed economica è un sentimento condiviso da tutti, non importa da dove vieni. Crediamo fortemente che un modo per far superare questo periodo critico alle persone adulte sia facilitare l'accesso ai percorsi di istruzione. A tale scopo, dare potere agli insegnanti e agli educatori nel loro lavoro con i migranti e creare nuovi strumenti digitali per migliorare l'apprendimento a distanza sono importanti punti di partenza per rendere la nostra società sempre più equa e inclusiva, soprattutto in un momento in cui sono presenti alti livelli di povertà e disuguaglianza emergente. Pertanto, non vediamo l'ora di riprogrammare e portare avanti la nostra formazione nei prossimi mesi e cogliere questa importante opportunità per scambiare idee e crescere insieme ai nostri colleghi di altri paesi europei.

 

Per saperne di più:

Key-Co System, Sito del progetto 

Giocherenda

Login (0)

Vuoi cambiare lingua?

Questo documento è disponibile anche in altre lingue. Puoi selezionarne una qui sotto.

Vuoi scrivere un articolo?

Non esitare a farlo!

Clicca sul link seguente e inizia a pubblicare un nuovo articolo!

Ultime discussioni

Discussione EPALE: come incrementare l'educazione delle persone adulte con disabilità

Come parte del focus EPALE di Giugno dedicato al tema delle persone con disabilità, vorremmo conoscere i vostri punti di vista su come valorizzare ed incrementare l'educazione degli adulti con disabilità. La discussione è in programma il giorno 8 giugno alle ore 14:00 CEST.
Altro