Salta al contenuto principale
News
Notizie

Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, 25 novembre 2020.

La European Medical Association (EMA) condivide gli scopi dell'OMS nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, 25 novembre 2020. Un'incredibile percentuale di 1 donna su 3 ha subito violenza fisica e / o sessuale nel corso della propria vita, una pandemia di proporzioni globali. Tuttavia, a differenza di una malattia, gli autori e persino intere società continuano per scelta a commettere violenze anche se possono scegliere di interrompere la continuazione di tali crimini.

La violenza non è inevitabile. Può essere prevenuta. Ma non è così semplice come sradicare un virus. Non esistono vaccini, farmaci o cure. E non c'è una sola ragione per cui accada. L'European Medical Association, anche quest'anno, chiede un comportamento proattivo e l'intervento dei suoi membri e di tutte le persone sensibili nella campagna civile contro la violenza sulle donne. Nonostante le Nazioni Unite riconoscano che da quando i Paesi hanno implementato misure di quarantena per ostacolare la diffusione del coronavirus, la violenza contro le donne, in particolare la violenza domestica, si è intensificata. Ciò è mostrato - in alcuni Paesi - dalle chiamate ai numeri di telefono di emergenza, che sono aumentate di cinque volte o più.

A questo proposito condividiamo la Dichiarazione del Commissario per l'uguaglianza, la signora Helena Dalli, che ha presentato la strategia sull'uguaglianza di genere 2020-2025. Le azioni delineate nella strategia includono, tra le altre, la legislazione per prevenire e combattere forme specifiche di violenza di genere, una campagna per combattere gli stereotipi di genere; applicare misure di conciliazione vita-lavoro e misure di parità retributiva; spingere per raggiungere l'equilibrio di genere nel processo decisionale e nella politica.

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha già segnalato al Parlamento europeo: "Proporrò di aggiungere la violenza contro le donne nell'elenco dei crimini dell'UE definiti nel trattato [UE]". Salvaguardare le donne dalla violenza dei partner | Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali.

In un momento in cui il mondo sta affrontando una crisi sanitaria, economica e sociale senza precedenti, non dobbiamo dimenticare che la pandemia COVID-19 si sovrappone a una pandemia ombra, quella della violenza contro le ragazze e le donne. (- Audrey Azoulay, Direttore generale dell'UNESCO, in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne 25 novembre 2020).

Il direttore dell'EMA è impegnato a diffondere e consigliare tutti gli interventi culturali e sociali, anche attraverso la diffusione delle policy brief dell'EMA, e a diffondere informazioni strategiche e, personalmente, a presentare e pubblicare ricerche personali disponibili e le proposte della European Medical Association, che verranno presentate al convegno webinar di Brussels, 25 novembre 2020, relative anche al questionario dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che la nostra Associazione raccomanda di utilizzare.

Noi riteniamo che la violenza contro le donne è un ostacolo alla costruzione di società inclusive e sostenibili. Questo è il motivo per cui l'UNESCO sottolinea l'uguaglianza di genere e la non violenza. È impossibile che una società fiorisca se metà della popolazione vive nella paura di essere aggredita.

Invitiamo tutti a partecipare alla campagna che condividiamo con le Nazioni Unite "Orange the World: Fund, Respond, Prevent, Collect!" 

Login (0)
Etichette

Vuoi scrivere un articolo?

Non esitare a farlo!

Clicca sul link seguente e inizia a pubblicare un nuovo articolo!

Ultime discussioni

Discussione EPALE: come incrementare l'educazione delle persone adulte con disabilità

Come parte del focus EPALE di Giugno dedicato al tema delle persone con disabilità, vorremmo conoscere i vostri punti di vista su come valorizzare ed incrementare l'educazione degli adulti con disabilità. La discussione è in programma il giorno 8 giugno alle ore 14:00 CEST.
Altro