chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Newsroom

Disseminazione dei risultati della formazione e condivisione con nuovi beneficiari Erasmus+

17/07/2019
Lingua: IT
Document available also in: EN

Il 21 giugno scorso il CPIA della Spezia (Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti) ha realizzato un convegno alla Mediateca Fregoso per diffondere i risultati del suo progetto Erasmus+ KA1, Diversifying teaching, teaching for diversity.

Durante la prima parte del convegno, aperto dal dirigente del CPIA, Roberto Stasi, il dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale della Liguria, Roberto Peccenini, ha parlato dell’importante ruolo che tutti i CPIA giocano non soltanto nell’insegnamento dell’italiano come lingua seconda, ma anche nel contrasto all’abbandono scolastico precoce e nell’offerta di percorsi di apprendimento permanente. Il CPIA della Spezia, inoltre, è anche un centro di ricerca e sviluppo per l’intera Liguria,che fornisce vaste opportunità di informare e formare le politiche dell’istruzione. Sempre durante la prima sessione del convegno, un video del progetto, realizzato da Marta Meozzi, ha presentato coloro che hanno preso parte al progetto Erasmus+, con il quale sono state realizzate 33 mobilità, finalizzate alla frequenza di corsi di lingua inglese per lo staff amministrativo e didattico, oltre che ad attività di jobshadowing in scuole per adulti di Lettonia, Svezia e Spagna. Lo stesso video, che ha parlato dei benefici professionali e personali dei partecipanti, ha evidenziato anche la ricaduta positiva del progetto sull’utenza scolastica, attraverso interviste fatte ad un campione eterogeneo di iscritti che frequentano corsi al CPIA: studenti universitari, anziani pensionati, come pure immigrati di entrambi gli emisferi. Senza dubbio i CPIA, in quanto istituzioni educative, hanno un potenziale capace di riunire un’ampia varietà di discenti e dare un contributo significativo alla costruzione di un senso di comunità a livello europeo.

Nell’ultima parte della sessione, l’organizzazione dell’Erasmus+ è stata rappresentata da Alberto Benvenuti, che si occupa del settore dell’educazione degli adulti, e da Alessandra Ceccherelli, dell’ufficio comunicazione che ha presentato il sito italiano di Erasmus+ e la piattaforma Epale. Sono intervenuti anche Gloria Rossi e Gisella Merenda, dell’Ufficio Scolastico Regionale, e il dirigente del CPIA Centro Ponente di Genova, Maurizio Ambrosini.

/lv/file/imge7zi3p-okjpgimg_e7zi3p-ok.jpg

Durante la seconda parte del convegno sono stati presentati i risultati dell’Erasmus+ del CPIA La Spezia. La coordinatrice del progetto, Claire Marie O’Neill, ha delineato l’origine, gli scopi e le strategie del progetto stesso. Andrea Rabassini ha spiegato come funziona il sistema educativo svedese - soprattutto per quanto riguarda l’insegnamento dello svedese ai migranti - mettendone in evidenza i punti di forza e ciò che il sistema educativo italiano può ricavarne. Arianna Biasotti ha parlato del sistema lettone, fortemente impegnato nel recupero degli abbandoni scolastici e capace di offrire all’utenza una scelta diversificata di percorsi. Daniela Garau ha illustrato il sistema spagnolo e, in particolare, com’è organizzato a Granada un metodo d’insegnamento misto, che coniuga lezioni in presenza e formazione a distanza. Quindi, la DSGA Anna Maria Cappetta ha fatto un excursus sulle procedure amministrative nei tre sistemi menzionati.

Simone Pastorino e Anna Camerlenghi, invece, hanno esposto “IntegrAZIONE”, il loro progetto Erasmus+ KA1 recentemente approvato per il CPIA Centro Ponente di Genova, mentre Margherita Campi ha presentato "Babele" un progetto Erasmus+ KA1, recentemente portato a termine, e un nuovo progetto da poco approvato per il CPIA di Asti.
L’importanza di convegni come questo per la diffusione e la condivisione di buone pratiche è evidenziata dal fatto che il CPIA genovese si è candidato con la sua proposta, risultata vincente, dopo il precedente convegno, organizzato dal CPIA di Asti. Al convegno spezzino erano presenti due nuovi vincitori di progetti Erasmus+ KA1, oltre a partecipanti provenienti dal CPIA di Massa e da varie associazioni che operano nel campo dell’educazione degli adulti.

/lv/file/img20190621162449297-1000jpgimg_20190621_162449297-1000.jpg

Claire Marie O'Neill PhD
clairemarie.oneill@cpiasp.com (link sends e-mail)


Slide delle presentazioni, con la descrizione dei sistemi educativi in Lettonia, Svezia e Spagna:

/lv/file/convegnoerasmuslatviapdfconvegno_erasmus_latvia.pdf

/lv/file/educazionepermanenteinsveziaconvegnopdf-1educazione_permanente_in_svezia_convegno.pdf

/lv/file/jobshadowingagranadapdfjobshadowing_a_granada_.pdf

Video sintesi del progetto "Diversifying teaching, teaching for diversity" (Erasmus+ KA1)

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn