chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

Newsroom

"Come pagine bianche", il Premio Pieve 2020 per le memorie della gente comune

15/09/2020
di Alessandra Cecc...
Lingua: IT

La "Città del diario”, e fisicamente le strade e le piazze del comune di Pieve Santo Stefano (AR), dal 18 al 20 settembre saranno la sede della 36° edizione del Premio che celebra l'autobiografia curato dall'Archivio dei diari. Con il titolo Come pagine bianche non mancherà il suo appuntamento annuale nell'anno del distanziamento fisico: tre giornate scandite dalle memorie di “gente comune” nel corso di incontri con autori, studiosi, giornalisti, appuntamenti teatrali, presentazioni editoriali, esposizioni di manoscritti originali. Mai come quest’anno, le testimonianze custodite dall’Archivio dei diari rappresentano per il Premio la base per indagare questo presente e scegliere le parole per raccontarlo: Memorie in piazza sarà poi il punto di arrivo del Premio Pieve, domenica 20 settembre, con gli 8 diari finalisti e l’annuncio del vincitore dell’edizione 2020.

La prima giornata, il 18 settembre, sarà ampiamente dedicata alle migrazioni con l'incontro con i 44 finalisti e premiazione della quinta edizione del concorso promosso da DIMMI di Storie migranti un progetto, un arichivio di storie e una collana di pubblicazioni che vuole promuovere una migliore conoscenza e costruire una diversa narrazione intorno ai temi della migrazione. Per l'edizione 2020 l'Unità Epale Italia ha fatto parte del comitato scientifico che ha selezionato i racconti, insieme a tante organizzazioni attive in prima persona per i diritti e l'accoglienza.

Infine i premi della giornata conclusiva, come ogni anno, celebrano rappresentanti della cultura e del giornalismo: Francesco Guccini e la giornalista Annalisa Camilli sono tra i premiati della 36ma edizione del Premio Pieve Saverio Tutino. A Guccini sarà assegnato il Premio Città del Diario 2020, mentre Annalisa Camilli, inviata della rivista Internazionale, ritirerà il premio Tutino Giornalista, istituito dall’Archivio per ricordare la figura del suo fondatore. 

 

Informazioni e prenotazioni

Programma completo, pdf

 

Sarà possibile seguire tutti gli eventi del Premio Pieve in diretta streaming, collegandosi alla pagina Facebook o al canale YouTube dell'Archivio dei diari.
#premiopieve

Per saperne di più sui finalisti e i diari premiati leggi anche l'articolo su toscanalibri.it 


 

Come pagine bianche
La pagina è bianca. È difficile trovare l’inizio, cominciare a scrivere una storia nuova. Lo è ancora di più quando la storia è la tua. La nostra. Ora indugiamo anche di fronte alle certezze di sempre.
Libertà.
Ci sono parole il cui significato non cambia con il trascorrere del tempo.
Oppure sì?
Vivere i giorni di un avvenimento epocale rende subito percettibili anche le mutazioni di lungo periodo. Quello che fino a ieri aveva un significato, oggi ci appare diverso.
Oppure no?
Siamo come pagine bianche e dobbiamo scegliere le parole con cui riempire il nostro racconto. Dobbiamo decidere quando accoglierne o respingerne la trasformazione di significato, indagando gli arricchimenti e gli impoverimenti dettati dal tempo in cui viviamo. Oppure, quando difendere ad ogni costo il senso comune e i valori universali che esse racchiudono.
Da una parte i valori, nei quali l’Archivio dei diari si è riconosciuto sin dalla nascita. Dall’altra l’indagine del presente, e del cambiamento, che rinnoviamo ogni anno grazie ai nuovi racconti di sé che le persone continuano a inviarci. Anche oggi, anche in questi mesi difficili. Dietro le manifestazioni ipertrofiche dell’io pubblico, ha germogliato il racconto di un io riflessivo che ha cercato, e cercherà, di contribuire alla comprensione della nuova epoca. Oggi indugiamo di fronte alla pagina bianca, domani la riempiremo con una visione nuova del futuro che ci attende, con parole vostre e nostre, quelle nuove e quelle di sempre.

[dalla presentazione del Programma Premio Pieve 2020]

Scarica il programma, pdf

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn Share on email