Salta al contenuto principale
Blog
Blog

Webinar EPALE: le politiche europee sull’apprendimento permanente e la loro applicazione a livello nazionale

Il webinar sarà l’occasione per fare il punto sul quadro politico europeo per l’apprendimento permanente, all’avvio della nuova programmazione settenn

 

Benvenuti al webinar Epale "Le politiche europee sull’apprendimento permanente e la loro applicazione a livello nazionale" che si svolgerà online su questa pagina il 26 marzo dalle ore 11 alle 13.

Il webinar sarà l’occasione per fare il punto sul quadro politico europeo per l’apprendimento permanente, all’avvio della nuova programmazione settennale e alla luce degli ultimissimi documenti pubblicati, tenendo come filo conduttore la Skills Agenda e con un particolare approfondimento sul Pact for Skills.

Sarà possibile guardare il webinar in livestreaming nel riquadro video di questa pagina il 26 marzo 2021 a partire dalle ore 11. Potrete partecipare sottoponendo le voste domande ai relatori scrivendo un commento nella sezione commenti in fondo a questa pagina.

Programma

11:00 Apertura - Lorenza Venturi, Capo Unità EPALE Italia

11:10 Introduzione - Antonio Ranieri, Capo Dipartimento Sviluppo Competenze, CEDEFOP

11:20 Un quadro sintetico delle politiche europee - Claudio Vitali, Coordinatore nazionale Agenda europea per le competenze degli adulti, INAPP

11:40 Il ruolo della formazione - Laura Formenti, Università degli Studi Milano Bicocca e presidente RUIAP, Rete universitaria italiana per l’apprendimento permanente

11:50 Il punto di vista dei lavoratori - Milena Micheletti, UIL; Erika Merlone, CISL; Simonetta Ponzi, CGIL

12:20 I fondi interprofessionaliElvio Mauri, Direttore Generale Fondimpresa

12:30 Discussione e risposta alle domande dal pubblico

Modera Antonio Ranieri

 

 

Materiali presentati:

 

 

 

Un quadro sintetico delle politiche europee, Claudio Vitali Inapp

 

 

 

Concept note

L’Agenda europea per le competenze, che esprime già nel proprio titolo completo la piena consapevolezza rispetto alle finalità della competitività sostenibile, dell’equità sociale e della resilienza, è pienamente in linea con il primo principio del Pilastro europeo dei diritti sociali che richiama a un diritto soggettivo e universale a poter fruire di opportunità educative e formative - senza limitazioni di tempo, età o contesti di apprendimento - che permettano a chiunque di esercitare il diritto alla partecipazione e di adeguarsi alle transizioni nel mercato del lavoro.

L’Agenda si articola in cinque componenti e direttrici di interventi principali (“building blocks”):

1.    il richiamo a un’azione collettiva, attraverso lo stimolo a imprese, parti sociali, decisori e altri stakeholder a un impegno condiviso nell’operare all’interno di definiti eco-sistemi industriali; 2.    l’identificazione di risorse finanziarie dedicate a incrementare l’investimento sulla qualità e sull’adeguatezza delle competenze del capitale umano; 3.    l’elaborazione di una strategia in grado di assicurare un matching funzionale e diretto tra competenze possedute e competenze richieste dal mercato del lavoro; 4.    sostenere l’investimento continuo sulle proprie competenze da parte dei cittadini, creando contesti facilitanti e accessibili per poterle valorizzare, incrementare e adeguare ai cambiamenti necessari; 5.    individuare obiettivi misurabili e pertinenti rispetto a quelli dell’upskilling e del reskilling da raggiungere entro i prossimi cinque anni.

Rispetto a queste direttrici l’Agenda prevede di attivare 12 linee di azione, ciascuna delle quali opera in interconnessione con le altre e di cui la prima, il Patto per le competenze, costituisce il focus di approfondimento del webinar proposto.

 

 

 

Contribuisci alla discussione

Il webinar costituisce l’opportunità per illustrare e promuovere i contenuti e i messaggi del nuovo Piano di Azione per le competenze digitali e del Piano di azione relativo al Pilastro europeo dei diritti sociali, recentemente lanciato dalla Commissione europea.

Il confronto e il dibattito tra i partecipanti al Webinar dovrebbe concentrarsi sull’esplorazione dei seguenti temi chiave:

1.    Quali sono le precondizioni (abilitanti) per sostenere l’attivazione di processi di upskilling e reskilling di una popolazione adulta con basse qualificazioni e in condizione di analfabetismo funzionale? 2.    Quali gli esempi di accordi e alleanze funzionali tra imprese, parti sociali, agenzie formative e istituzioni centrali o periferiche già attivi? Quali i risultati, se disponibili? 3.    L’Agenda europea stimola l’adozione di strumenti e dispositivi quali le Micro-credenziali e il ricorso ai Conti Individuali per la formazione (ILA): in che misura e a quali condizioni tali indicazioni possono essere accolte in Italia? 4.    Quali possono essere, per ciascuno dei benchmark individuati nell’Agenda, le azioni da mettere in campo per perseguire l’obiettivo di riferimento? Da chi?

 

 

Scarica qui il programma completo!
Login (6)

Users have already commented on this article

Effettua il login o Iscriviti per commentare.

Want to write a blog post ?

Don't hesitate to do so! Click the link below and start posting a new article!

Ultime discussioni

Discussione EPALE: come incrementare l'educazione delle persone adulte con disabilità

Come parte del focus EPALE di Giugno dedicato al tema delle persone con disabilità, vorremmo conoscere i vostri punti di vista su come valorizzare ed incrementare l'educazione degli adulti con disabilità. La discussione è in programma il giorno 8 giugno alle ore 14:00 CEST.
Altro