Blog
Blog

Volontariato in salsa esperantista

Herzberg, Germania, incontro tra diverse associazioni esperantiste per il progetto sul volontariato.

Herzberg.

Il primo fine settimana di ottobre ha visto ad Herzberg l’incontro di diverse associazioni per il progetto sul volontariato tra cui la nostra BEA Bunta Esperanto Asocio. Questo è stato il secondo incontro, dopo quello tenuto in Italia ad Assisi durante il congresso della FEI, la Federazione Esperantista Italiana. Durante il primo incontro si sono gettate le basi per indirizzare il progetto sul tema importante e delicato dell’ospitalità da parte delle organizzazioni dei volontari e del loro impiego nelle attività delle associazioni. Ad Herzberg, ci siamo focalizzati sui bisogni sia delle associazioni che ospitano i volontari, sia su quelli dei volontari. Infatti è chiaro fin da subito che questo progetto mette in primo piano la qualità dell’esperienza fatta dai volontari, giovani a cui si offre la possibilità di partecipare alla vita delle associazioni esperantiste per un anno intero, con la possibilità di imparare l’esperanto ma anche di esercitare la lingua del luogo che li ospita.

Gli incontri che si sono susseguiti durante le giornate ad Herzberg (Germania) dal 1 al 3 ottobre 2021 sono stati molto utili: la presenza di giovani volontari impiegati nelle attività associative ma anche nella realizzazione del progetto è stata molto importante per migliorare i risultati raggiunti tramite lavoro di gruppo e per definire nuove proposte da sottoporre alle associazioni, che decideranno in seguito se avvalersi di volontari.

Un ruolo molto importante nel mondo esperantista per l’esperienza attiva sul volontariato ce l’hanno il Centro Culturale Esperantista di Tolosa, il Centro Esperantista di Herzberg , TEJO, l’organizzazione giovanile esperantista e BES l'associazione Esperantista di Bialystok tutte associazioni che da anni accolgono volontari.

Kosmo Strategio oltre ad essere parte attiva del progetto ne è il motore sia nell'intessere le relazioni tra le associazioni sia per creare le condizioni affinché i progetti ottengano buoni risultati.

Le giornate si sono sviluppate fin da subito con l’obiettivo di far progredire il progetto, per arrivare alla fine alla compilazione di una sorta di vademecum di buone prassi sul tema del volontariato nelle associazioni.

Le giornate sono state organizzate in modo tale da focalizzare l’attenzione sui diversi aspetti del progetto. Una delle tematiche ricorrenti infatti in tutti i progetti Erasmus+, oltre al raggiungimento dell’obiettivo prefissato dal progetto, è relativa anche alla risoluzione e facilitazione del percorso di incontro tra le associazioni che si ritrovano a lavorare insieme. Infatti la stessa creazione di relazioni collaborative tra i partner del progetto è un obiettivo importante. Anzi, la buona riuscita dei progetti spesso dipende proprio dalla collaborazione tra partners delle associazioni, ma anche dalla buona comunicazione tra gli associati delle singole organizzazioni partecipanti al progetto. Per questo motivo, la prima parte degli incontri si focalizza anche sugli aspetti organizzativi degli incontri stessi e su quelli futuri. La soluzione degli eventuali problemi facilita molto la collaborazione e il raggiungimento di buoni risultati.

L’altro aspetto molto importante è stato quello dedicato al racconto dell’esperienze di volontariato portato avanti da alcune associazioni. Con noi c’erano per l’appunto alcuni giovani volontari, così insieme a loro abbiamo potuto affrontare e conoscere meglio i diversi aspetti del volontariato.

L’obiettivo principale del progetto è quello di invitare altre associazioni ad attivare esperienze di ospitalità di volontari attraverso il programma del servizio civile europeo.

Per far ciò ed affinché questa possa essere un’esperienza positiva sia per le associazioni sia per i volontari, è necessario prendere in considerazione i diversi aspetti di questa esperienza e approfondire problematiche e opportunità.

Molta importanza è stata data a questo aspetto del progetto, importante è stata la presentazione del sondaggio proposto ai volontari che hanno fatto negli anni scorsi esperienza di volontariato nelle principali associazioni esperantiste che hanno esperienza di ospitalità di volontari presso le loro sedi. I dati emersi sono stati molto interessanti perché ci hanno dato la possibilità di comprendere l’importanza della preparazione da parte delle associazioni all’ospitalità e di quanto questo influisca sull’esperienza stessa.

Dopo la visione e l’analisi del sondaggio sono stati sviscerati i diversi aspetti dell’esperienza del volontariato, ipotizzando le possibili soluzioni per ogni aspetto emerso.

Siamo partiti dai bisogni delle associazioni per proseguire con quelli dei volontari, cercando di far collimare le diverse aspettative e necessità.

Il dialogo tra le associazioni e i volontari candidati è uno degli aspetti fondamentali per la positiva riuscita dell’esperienza stessa. Il confronto deve avere lo scopo di chiarire sia gli obiettivi dell’esperienza del volontariato ma anche tutti gli aspetti pratici relativi alla vita quotidiana del volontario e alla sua ospitalità, dalla logistica alle attività che andrà ad intraprendere durante la permanenza.

La discussione è stata molto proficua perché, grazie alla preparazione dell’incontro, alla presentazione del sondaggio e al racconto delle esperienze fatte dalle associazioni e dai volontari, è stato possibile approfondire ed entrare nel merito delle singole questioni ipotizzando anche le possibili soluzioni. Sono stati infine stilati degli elenchi delle problematiche e delle soluzioni, tutto suddiviso secondo quattro principali tematiche:

  • Bisogni delle associazioni
  • Bisogni dei volontari
  • Apprendimento dell’esperanto
  • Apprendimento della lingua locale

Un elemento di rilievo è la scelta del candidato adatto all’esperienza proposta. La selezione è fondamentale per la buona riuscita dell’esperienza stessa, che si deve basare anche sulle aspettative del candidato e sulle reali opportunità messe in campo da ogni associazione ospitante.

Il prossimo appuntamento del progetto vedrà un'ulteriore definizione di questi aspetti e la creazione di strumenti pratici e di orientamento da proporre alle associazioni che vogliono intraprendere questa esperienza ricca e potenzialmente molto fruttuosa del volontariato.

 

 

Login (0)

Want to write a blog post ?

Don't hesitate to do so! Click the link below and start posting a new article!

Ultime discussioni

Discussione EPALE: come incrementare l'educazione delle persone adulte con disabilità

Come parte del focus EPALE di Giugno dedicato al tema delle persone con disabilità, vorremmo conoscere i vostri punti di vista su come valorizzare ed incrementare l'educazione degli adulti con disabilità. La discussione è in programma il giorno 8 giugno alle ore 14:00 CEST.
Altro