chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Sostenere gli insegnanti e i formatori per fornire apprendistati e apprendimento sul lavoro di qualità

30/11/2017
by Andrew McCoshan
Lingua: IT
Document available also in: EN RO FR DE PL ES LV

/it/file/vet-epaleVET EPALE

VET EPALE

 

Il coordinatore tematico di EPALE Andrew McCoshan indica alcuni modi per sostenere gli insegnanti e i formatori nel fornire apprendistati e apprendimento sul lavoro efficaci.

 

È indiscutibile il ruolo centrale degli insegnanti e dei formatori nelle attività di apprendistato e apprendimento sul lavoro. Ma come possono essere sostenuti al meglio nel loro ruolo? La domanda è stata al centro delle attività del gruppo di lavoro ET 2020 Vocational Education & Training Working Group che sta attualmente mettendo a punto i suoi principali risultati, al fine di fornire importanti orientamenti per i responsabili delle politiche e i professionisti.

Il gruppo di lavoro ha identificato quattro aree in cui occorre intervenire:

 

Definire chiaramente il ruolo degli insegnanti e dei formatori

Con la costituzione e il consolidamento in sempre più paesi della base giuridica per gli apprendistati e l’apprendimento sul lavoro, è importante che il ruolo degli insegnanti e dei formatori siano integrati completamente e chiaramente nei quadri normativi. Ciò è particolarmente vero per i formatori aziendali, che di solito hanno a disposizione meno strumenti degli insegnanti. Le aziende devono anche essere coinvolte nell’identificazione dei ruoli che possono giocare per loro soprattutto i formatori.

 

Rafforzare lo sviluppo professionale

Ottenere un insegnamento e un formazione di qualità significa investire nello sviluppo professionale degli insegnanti e dei formatori. Questo non riguarda solo il settore pubblico, ma tutte le parti coinvolte, compresi gli stessi insegnanti e formatori, oltre alle aziende e i fornitori di IFP. La fornitura di incentivi ha un ruolo importante. Gli incentivi non devono essere solo finanziari: possono assumere la forma di opportunità di formazione e progressione. Inoltre, soprattutto gli insegnanti devono avere la possibilità di tenersi aggiornati sugli ultimi sviluppi nel loro campo professionale (che si tratti di fabbricazione, accoglienza o agricoltura), magari stimolando la collaborazione tra scuole e aziende. I formatori potrebbero anche beneficiare dello sviluppo di standard di qualità, soprattutto laddove le qualifiche pedagogiche non sono un prerequisito per il ruolo.

 

Dotare insegnanti e formatori di mezzi adeguati per affrontare le principali sfide

Quello dell’insegnamento e della formazione è un campo in rapida evoluzione. I curricula e la pedagogia vengono aggiornati in tutta Europa, ad esempio attraverso l’introduzione di metodi didattici centrati sullo studente e qualifiche basate sugli esiti dell’insegnamento. La digitalizzazione sta anche provocando una rivoluzione nel modo di apprendere. Gli insegnati e i formatori devono ricevere gli strumenti per affrontare queste sfide. Devono altresì essere in grado di sostenere studenti appartenenti a contesti diversi, compreso chi appartiene a comunità svantaggiate o di migranti, e di orientare tutti gli studenti verso l’assistenza sulle opportunità dopo il completamento del loro apprendistato o dell’apprendimento sul lavoro.

 

Collaborazione

Gli insegnanti e i formatori potrebbero beneficiare molto delle attività di collaborazione. Del resto, gli apprendistati e l’apprendimento sul lavoro di alta qualità dipendono su una buona cooperazione tra scuole e aziende. Ma soprattutto, gli insegnanti e i formatori devono essere coinvolti nella collaborazione su vari livelli, dal dialogo sociale nazionale e regionale (tramite i loro organi rappresentativi) fino ai partenariati e le reti locali. Queste disposizioni locali possono contribuire allo sviluppo di eccellenza e innovazione nell’istruzione e nell’apprendimento. Possono inoltre aprire percorsi di apprendimento con altri settori dell’educazione e della formazione.

Queste quattro aree costituiscono il quadro di riflessione del gruppo di lavoro. È stata tenuta una revisione paritaria collegata a questi temi con i direttori generali dell’educazione e formazione professionale degli Stati membri, sotto la Presidenza estone a ottobre 2017, e il gruppo si propone di produrre 12 indici politici di rilevanza pratica nell’ambito di questi temi da pubblicare nel 2018.


Andrew McCoshan ha lavorato nel campo dell’istruzione e della formazione per più di 30 anni. Per oltre 15 anni ha condotto studi e valutazioni per l’UE e in precedenza era stato consulente nel Regno Unito. Andrew è attualmente un ricercatore e consulente indipendente, un ECVET Expert per il Regno Unito e ricercatore associato senior presso l’Educational Disadvantage Centre della Dublin City University, in Irlanda.

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
  • Ritratto di IES EDUARDO PONDAL DE PONTECESO
    AWESOME RESULTS OF MOBILITIES OF THE PROJECT ERASMUS PLUS "TWINS", 2018, MADE BY ANA TRINIDAD AND MONICA SUSANA GONZALEZ SANCHEZ FOR THEIR SCHOOL CENTRE.
    (BELOW THERE IS THE LINK)

  • Ritratto di IES EDUARDO PONDAL DE PONTECESO
    AWESOME RESULTS OF MOBILITIES OF THE PROJECT ERASMUS PLUS "TWINS", 2018, MADE BY ANA TRINIDAD AND MONICA SUSANA GONZALEZ SANCHEZ FOR THEIR SCHOOL CENTRE.
    (BELOW THERE IS THE LINK)

  • Ritratto di Ana Martín Fuentes
    La inclusión social, alfabetización digital, integración en la vida social y cultural de Granada, a través de la enseñanza de español como lengua extranjera, es el ilusionante trabajo que llevamos a cabo en una de las zonas más  problemáticas de Granada, desde hace años.

    Este año y celebrando el día mundial de la poesía y el año Lorca (Federico García Lorca. poeta granadino), alumnas de Marruecos y Sahara, leyeron poemas  de Mahmoud Darwish, Maram El Masri, Nizar Qabbani, Jalil Joubran y Federico García Lorca .

    Creo que empoderar a las mujeres y lograr la igualdad a través de la investigación, el intercambio de cultura de valores para las feministas de todo el mundo y el uso de herramientas como la educación emocional y creativa, la capacidad de empatía y la capacidad de estar atentos a las emociones de los demás en un contexto de hermandad .

    Elevar el estatus de las mujeres sobre el papel de estas mujeres en sus familias y su capacidad de hacer un cambio dentro de su cultura para adaptarse a un nuevo país y la integración social que implica aprender el idioma y la cultura de este país. Y empoderamiento en su entorno inmediato, para aumentar el papel de las mujeres en la gestión y resolución de conflictos, como un consenso sobre la necesidad de abordar los problemas del racismo, la discriminación racial y religiosa, el perfil y la xenofobia, desde su rol como tarea educativa en sus familias.

    Creo firmemente que las mujeres siempre han sido el motor del cambio y actualmente están llevando a procesos auténticos de transformación para sus comunidades.

    Saludos cordiales desde Granada./Spain







    Social inclusion, digital literacy, integration into the social and cultural life of Granada, through the teaching of Spanish as a foreign language, is the exciting work we carry out in one of the most problematic areas of Granada, over the years . 

    This year and celebrating the world day of poetry and the year Lorca (Federico García Lorca, Granada poet), , read poems:  Mahmoud Darwish, Maram El Masri, Nizar Qabbani, Jalil Joubran y Federico García Lorca .

    I believe that  to empower women and gain equality through research, the exchange of value culture for feminists everywhere, and using tools such as emotional-creative education, a capacity for empathy and the ability to stay tuned to the emotions of others in a sorority context .

    To raise the status of women about the role of these women in their families and their ability to make a change within their culture to adapt to a new country and the social integration that involves learning the language and culture of this country. And empowerment in their immediate environment, to increase the role of women in the management and resolution of conflicts, as a consensus on the need to address the problems of racism, racial and religious discrimination, profile and xenophobia, from their role as an educational task in their families.

    I firmly believe that women have always been the engine of change and are currently leading to authentic processes of transformation for their communities.

     Best Regards. 



  • Ritratto di Santa Baumane
    Neapšaubāmi digitalizācija ir radījusi revolūcija, kas skar ikvienu dzīves nozari. Pārmaiņas ir dabisks process, un tām ir jānotiek arī izglītības sistēmā. Līdz ar to, lai šīs pārmaiņas notiktu kvalitatīvi, ļoti būtisks aspekts ir rakstā minētā sadarbība starp skolām un uzņēmumiem. Attīstot darba vidē balstītu mācīšanos, izglītojamiem būs nodrošināta ļoti būtiskā praktiskā darbība. Tas dos iespēju saprast, vai vispār persona vēlēsies nodarboties ar šo profesiju, kādas ir izaugsmes iespējas u.c. Turklāt, iegūstot praktiskās iemaņas jau mācību procesa laikā, persona būs gatava jau uzreiz strādāt. Nebūs nepieciešama apmācība uzsākot darba gaitas, kas prasa gan laiku, gan resursus no darba devēja un ņēmēja.
  • Ritratto di IES EDUARDO PONDAL DE PONTECESO
    My name is Mónica González and at my school, a vocational and secondary school, Eduardo Pondal, in Galicia, Spain, have applied for an Erasmus + project, KA 102. I don't know if this is the adequate place to talk about it but we are so excited that we would like to share our motivation with the rest of the community of students and personel of education. We even have already prepared a Presentation with a strategic plan of activities if the project is accepted. Just in case, I leave here a shortened link to that presentation: Normal 0 21 false false false ES X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

    https://goo.gl/GG1jZT

    Thank you very much for reading this.
    Very best regards.

    Mi nombre es Mónica González y en mi centro,IES Eduardo Pondal de Ponteceso, A Coruña, Galicia, hemos presentado una solicitud para un proyecto Erasmus + kA 102. Quizás éste no sea el lugar adecuado para comentarlo, pero quisiera compartir nuestra ilusión y motivación para llevarlo a cabo. En el Blog del proyecto, hemos hecho una presentación de cuál sería nuestro plan de acción si se aprobase. Y estamos deseando aprender como suele ocurrir, haciendo las cosas.
    Por si le pudiera interesar a alguien, éste es el enlace acortado de nuestra presentación: Normal 0 21 false false false ES X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

    https://goo.gl/GG1jZT

    Muchas gracias, si me habeis leído.

    Un saludo a todo el alumnado y personal de los centros educativos.
  • Ritratto di Filomena Montella

    Un ruolo di primo piano nell’educazione degli adulti è assunto dal docente-facilitatore, che diventa un catalizzatore o “enzima”, in grado di facilitare la comunicazione.

    La complessità della comunicazione, infatti, richiede facilitatori che guidino il dialogo in tutte le fasi di crescita delle idee:

    - la crescita attraverso il dialogo;

    - la maturazione attraverso una continua attenzione;

    - la raccolta attraverso un’azione appropriata.

    L’obiettivo del facilitatore è quello di trarre il meglio dai membri del gruppo e, nello stesso tempo, di aiutarli ad interagire in armonia reciproca.

    Per ottenere ciò, il docente-facilitatore crea linee da seguire:

    - fa brevi riassunti o riespone il problema in modo da aiutare il gruppo a mantenere costante il proprio centro di attenzione;

    - incoraggia gli alunni a fare degli esempi, quando le loro idee sono astratte, e a venire al punto, quando il contenuto sembra confuso;

    - impedisce agli alunni di farsi intrappolare da conflitti, dogmatismi (la questione non è “su chi ha ragione”, ma “su quali prove ci sono a favore di ciascuna idea e quali sono i vantaggi e gli svantaggi su ciascuna proposta”), monopolizzazione (tutti hanno diritto ad esprimere le proprie posizioni), critiche negative e giudizi rigidi;

    - aiuta a mantenere concreta la discussione, invitando a presentare paradigmi esplicativi;

    - invita e incoraggia i membri del gruppo non attivi ad intervenire;

    - evita di deviare eccessivamente dal tema;

    - evita un lungo periodo di inattività fisica, perché l’eccesso di immobilità riduce la concentrazione, ed è quindi utile fare delle pause che facilitino il movimento fisico (magari dicendo “è tempo di stirarci un po’!”);

    - evita il “tu devi”, una trappola della comunicazione, che irrigidisce e impedisce il feedback;

    - evita critiche non costruttive;

    - favorisce una sana competitività;

    - ha in mente il proprio percorso, per evitare concetti troppi vaghi (necessità di organizzare la propria proposta didattica con mappe concettuali e scalette).