chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

La qualità nell'era digitale: l'apprendimento degli adulti è all'altezza?

06/11/2014
by Mary-Clare O'CONNOR
Lingua: IT
Document available also in: EN DE FR PL ES

false

 

Le tecnologie digitali potrebbero avere un importante impatto sui programmi, sulla pedagogia e sulla valutazione. I più importanti progressi probabilmente sono stati compiuti nell'istruzione superiore, ma le tecnologie digitali potrebbero anche essere sfruttate nel settore variegato dell'educazione per adulti. Allo stesso tempo, sono state sollevate importanti questioni riguardanti la loro qualità, le quali vanno messe in evidenza.

Le tecnologie digitali influenzano l'istruzione sia attraverso l'esplosione che è avvenuta nei contenuti online, sia attraverso lo sviluppo di forme nuove di interazione tra gli insegnanti/formatori e gli studenti, ma anche tra gli studenti stessi. La "prima ondata di sviluppi" – lavagne interattive, simulazioni, ambienti di apprendimento virtuale ecc. – è stata superata da una "seconda ondata" fatta di social media e giochi, che ha aperto un nuovo mondo di possibilità. L'apprendimento blended, la classe capovolta e la co-creazione dei contenuti dei programmi sono emersi come concetti chiave.

Le sfide per la qualità

Dov'è la qualità in questo contesto? Se l'apprendimento degli adulti di qualità è accessibile, rilevante, efficace, efficiente e sostenibile, allora le tecnologie digitali hanno molto da offrire. Potenzialmente rendono l'apprendimento più efficiente ed efficace, fanno in modo che sia possibile adattare meglio l'apprendimento alle esigenze individuali rendendolo più pertinente e aprono nuove possibilità a nuovi studenti, aumentando l'accessibilità.

Le tecnologie digitali comportano tuttavia importanti sfide. Come si fa a identificare i contenuti migliori in un contesto nel quale questi si sviluppano tanto rapidamente? Quali strumenti producono un'esperienza di apprendimento di qualità e come si possono associare ai metodi tradizionali? Come possiamo mettere i vantaggi a disposizione di tutti gli studenti?

Purtroppo lo stato delle cose per quanto riguarda la garanzia della qualità nell'apprendimento degli adulti in Europa fa dubitare che esso possa far fronte a queste sfide. I sistemi di qualità sono abbastanza ben sviluppati nell'istruzione superiore e nella formazione professionale, ma ci sono grandi lacune nel settore informale. La maggior parte dei paesi hanno approcci frammentari per quanto riguarda la qualità. Questa situazione costituisce un disservizio per gli studenti, gli insegnanti/formatori e gli enti formativi, dato il potenziale impatto delle tecnologie digitali.

Studenti ed enti formativi

Per gli studenti esiste il rischio di non essere protetti e di essere lasciati alla mercè di una fornitura che non garantisce in alcun modo la qualità. Ci sono sicuramente buoni esempi di mercati online che generano un feedback del consumatore, ma quello dell'istruzione non è un mercato semplice. Le esigenze variano. Quello che può sembrare utile a Lucy a Londra, può non esserlo per Maria a Madrid.

Da parte loro, gli enti formativi sono vulnerabili alla concorrenza in un mondo online nel quale i consumatori non riescono facilmente a differenziare la fornitura sulla base di qualità e prezzo, e nel quale i contenuti online e gli strumenti di apprendimento mettono a rischio i confini istituzionali. Gli insegnanti hanno bisogno di una formazione rilevante per gestire i cambiamenti del modo in cui insegnano.

Il ritmo dello sviluppo di approcci sistematici alla qualità nel settore dell'apprendimento degli adulti continua ad essere lento. Significa forse che sarà lasciato indietro dalla rivoluzione digitale, lasciando gli studenti e gli enti formativi mal equipaggiati? Forse no. La rivoluzione digitale deve però essere presa sul serio e soprattutto coinvolta nello sviluppo di sistemi di qualità. Di cosa abbiamo bisogno affinché questo avvenga? Inviate le vostre idee attraverso i commenti qui sotto.

Scritto da Andrew McCoshan

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn