chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Incentivare l'imprenditorialità dei migranti con EVA

01/06/2018
di Alessandra Cecc...
Lingua: IT
Document available also in: EN

Articolo tradotto dall'originale in inglese.

Il progetto EVA - un modello europeo di IFP (istruzione e formazione professionale) per l'imprenditorialità e un quadro di valutazione per le minoranze etniche - è cofinanziato dal programma ERASMUS + il cui obiettivo principale è sostenere e promuovere gli imprenditori migranti ed appartenenti a minoranze etniche, e aiutare questi gruppi a superare difficoltà che potrebbero impedire loro di avviare e far crescere imprese in Europa.

http://eva-project.eu/blog/

Questo progetto affronta direttamente due argomenti che sono estremamente importanti per l'Unione europea: migrazione e imprenditorialità. Attraverso la promozione dell'imprenditorialità tra i migranti possiamo ridurre il numero di persone a rischio di povertà ed esclusione sociale (un obiettivo a cui punta la strategia europea per il 2020) aumentando al contempo l'integrazione e la coesione interculturale in Europa. La commissione europea ha riconosciuto pubblicamente che "i migranti rappresentano un importante gruppo di potenziali imprenditori che possono contribuire efficacemente all'economia dell'UE". Tuttavia, le persone nate al di fuori dell'Unione tendono ad avere minori opportunità di lavoro rispetto a quelle native. Inoltre i lavoratori migranti qualificati occupano spesso posti di lavoro per i quali sono sovraqualificati. Se da un lato molti migranti desiderano avviare la propria attività in Europa, il che contribuirebbe alla creazione di posti di lavoro e alla crescita generale, tuttavia, spesso falliscono a causa delle diverse sfide che devono affrontare. La ricerca mostra, tra i problemi per gli imprenditori migranti, la difficoltà di accesso ai finanziamenti e servizi di supporto, le barriere linguistiche, capacità limitate di gestione aziendale e marketing e eccessiva concentrazione in attività a bassa soglia d'ingresso in cui le possibilità di sblocco o diversificazione nei mercati generali possono essere limitate.

Il progetto EVA intende contribuire a risolvere questi problemi offrendo un modello di formazione innovativo basato sulla rilevazione e l'accreditamento delle capacità imprenditoriali dei migranti. Offrirà una piattaforma di formazione e un programma in grado di migliorare le capacità dei migranti di avere successo nelle loro attività.

Il partenariato del progetto è composto da organizzazioni di 5 paesi (Danimarca, Italia, Germania, Malta e Cipro) che creeranno una piattaforma di apprendimento interattivo online che includerà:

  • Un sistema di valutazione e orientamento: uno strumento di valutazione delle competenze che misurerà il "grado di imprenditorialità" dell'individuo. Questo sistema sarà integrato in un modulo di "orientamento" che guiderà il discente in un allenamento pertinente in base alle sue esigenze.
  • Un programma di formazione all'imprenditorialità per i migranti: il programma comprenderà moduli quali: competenze imprenditoriali; iniziare la tua attività; accesso ai finanziamenti; vendite e marketing; lingua, cultura, comunicazione e networking.
  • Un simultatore d'impresa: il progetto svilupperà un ambiente di simulazione di realtà virtuale (VR) che allena l'utente riproducendo situazioni reali in un ambiente puramente virtuale.
  • Il progetto svilupperà inoltre un sistema online per il riconoscimento e la certificazione delle competenze basato sulla logica ECVET che fornirà ai partecipanti un riconoscimento delle loro qualifiche e che sarà riconosciuto dalle principali parti interessate nei paesi partner.

Il programma di apprendimento sarà svolto in versione pilota con migranti in ciascun paese al fine di testarne l'efficacia e sarà condiviso con le principali parti interessate a livello nazionale garantendo la comprensione, l'adozione e la raccomandazione della piattaforma all'interno di ambienti di apprendimento chiave (centri di lavoro, istituti di apprendimento ecc. ).

Infine, il progetto produrrà una raccolta di esperienze e raccomandazioni politiche basate sulla verifica delle diverse metodologie sviluppate nel progetto che possono essere utilizzate per raccomandare azioni per le parti interessate a livello europeo.

A che punto siamo

Adesso che il nostro progetto si sta spostando nella sua fase finale, siamo pronti a promuovere e diffondere alcuni risultati. L'attenzione nel primo anno è stata quella di creare un sistema di orientamento e valutazione ben strutturato, in cui il potenziale imprenditore possa scoprire le proprie capacità imprenditoriali. Recentemente abbiamo avviato il test pilota della piattaforma online, che includerà il simulatore entreprise.

Ad aprile abbiamo lanciato la piattaforma presentandola in un webinar indirizzato a un gruppo di stakeholder (guarda il webinar).

La piattaforma per testare le competenze dell'impresa (disponibile in 5 lingue) sarà testata in ogni paese della partnership, ma puoi anche far parte del test pilota - provando la piattaforma e dando il tuo feedback o se lavori con / insegnare ai migranti / rifugiati, con i quali è possibile testarlo. Tutto il feedback è valutato.

Puoi accedere alle sezioni della piattaforma in diverse lingue attraverso il sito web e QUI troverai un breve documento che ti guiderà attraverso la piattaforma e testare.

Vai alla sezione Discover Your Enterprise Skills per iniziare l'esplorazione!

Sviluppi futuri e coinvolgimento

Se sei interessato a rimanere aggiornato con il progetto e le sue attività, puoi seguire la nostra pagina Facebook EVA-Project. Qui pubblichiamo anche link e notizie su imprenditoria e startup per migranti e rifugiati.

Ti incoraggiamo a collaborare con noi sulla pagina e a condividere le tue esperienze, esigenze e pensieri sull'imprenditoria etnica, indipendentemente dal fatto che tu sia un consulente, un consulente, un rappresentante di un'autorità locale o un'associazione imprenditoriale o che tu sia un aspirante imprenditore. Il tuo contributo è prezioso!

Articolo originale a cura di Barbara Tosi,

Consorzio Scuola Comunità Impresa

EVA Project partner - Italy

/it/file/cropped-evatoplogopngcropped-eva_toplogo.png

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
  • Ritratto di Alessandra Ceccherelli
    Thanks Tino for sharing this further initiative! We, as EPALE NSS in Italy, are going to carefully follow the theme. The network you mentioned is touching a crucial aspect: migrants women involvement in the society to foster inclusion. Hope to read more about it!

  • Ritratto di Tino BOUBARIS
    This is indeed a promising approach; I appreciate very much what the EVA project has been developing so far. The self assessment tool for potential entrepreneurs ist a  great idea of yours! 
    We are currently participating in a project funded by the  European Asylum, Migration & Integration Fund (AMIF) which is focusing on entrepreneurship of women with migration background (www.arise-network.eu, Facebook: @NetworkArise) and we look forward to sharing experiences!