chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

L'orientamento di gruppo come aspetto significativo per l'equità e l'inclusione nell'apprendimento degli adulti

15/03/2018
di Mariacristina G...
Lingua: IT

Nell'età adulta è spesso difficile avvicinarsi al sapere formale, poiché il costrutto complesso personale (che ha a che fare il progetto di vita) è stato avvallato dal passato che si è svolto a scuola, e lì risolto.

L'equità e l'inclusione nella prospettiva dell'istruzione dedicata all'età adulta è strettamente connessa al bisogno di orientamento e alle finalità personali e professionali dell'individuo. Il bisogno di ricollocarsi in un assetto formativo in età adulta è un fatto connesso alla motivazione legata alle necessità di riorganizzazione della vita, ai contenuti e ai percorsi che si sperimentano nei contesti non formali ed informali, ma soprattutto all' attività e agli obiettivi specifici che il mercato del lavoro richiede, come strumenti imprescindibili per la permanenza o la ricollocazione nell'area produttiva.

/en/file/sassijpgsassi.jpg

L'equità e l'inclusione nella prospettiva dei processi di formazione ed istruzione in età adulta sono da collegare alla validità del progetto orientativo che si è intrapreso. E' così che nell'età adulta l'accesso alla formazione avviene per frequentazioni di gruppi (e già essi svolgono un'azione formativa "informale") dove il consolidamento dell'identità passa attraverso la padronanza delle relazioni e l'attenzione delle regole e dei codici di comportamento. E' più difficile che vi sia un avvicinamento alla risorse di formazione per gli adulti che agiscono in solitudine; talvolta si prova una esperienza formativa con il convincimento che il gruppo possa meglio supportare il percorso, e talvolta proteggere da un nuova scommessa, quella della promozione di un attitudine continua alla curiosità, al sapere, al miglioramento personale.

Naturalmente l'equità e l'inclusione nell'apprendimento degli adulti sono connesse al sostegno, al processo decisionale dell'individuo; ecco perché il valore dell'intervento del gruppo nell'educazione alla scelta passa attraverso un percorso di attribuzione di senso della realtà vissuta (sia essa personale che professionale). E' in questa attività di continua ricerca che il gruppo è una risorsa ed una occasione di inclusione per tutti i componenti. Nell'età adulta è importante intercettare occasioni reali di supporto che sappiano leggere le esperienze socio-relazionali del soggetto. Aspetti di equità si verificano perciò nell'incontro con le occasioni formative, come diritto di accesso e facilitazione organizzativa, ma soprattutto (ed ad un livello più profondo) con la funzione esplicita legata alla concreta azione educativa del sistema di istruzione formale, che punta sulle LIFE SKILLS (come competenze di base e trasversali).

Equità ed inclusione - attraverso un processo di orientamento continuo - sono elementi essenziali nell'istruzione adulti. E' così che occorre dare evidenza alla lettura del contesto socio- economico di provenienza, al livello di istruzione formale raggiunto, alle competenze non formali, ai metodi di raccordo con il mercato del lavoro, all'assetto di motivazione profonda. Il "sapere" dell'adulto si sintonizza con il lavoro incessante che gli enti sapranno fare di educazione alla "scelta". E' l'accompagnamento significativo verso i processi di transizione il nodo centrale del processo, ed è in quest'area che si gioca l'assetto inclusivo dell'apprendimento degli adulti

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn