chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Let Europe Know! Un sostegno all’educazione degli adulti attraverso l’alfabetizzazione mediatica

23/10/2018
di Rumen HALACHEV
Lingua: IT
Document available also in: EN LV PL HR SL HU EL FR DE ES NL

/it/file/media-literacy-epale-0Media Literacy EPALE

Media Literacy EPALE

 

Un sostegno efficace per l’educazione degli adulti richiede un’alfabetizzazione mediatica da parte dei formatori, cioè la capacità di comunicare in materia di educazione degli adulti (in termini di contenuti e impatto) con i media e secondo i termini dei media. Il dott. Michael Sommer ci ha parlato di LEK, un progetto europeo che ha elaborato un piano di studi sulle capacità mediatiche per i formatori degli adulti e lo ha messo in pratica in webinar e seminari in tutto il continente. L’eredità del progetto è una risorsa didattica gratuita online.

 

 

L’educazione degli adulti arriva sui media

È cominciato tutto con un’audace confessione: "Non sapevo leggere bene". A rendere questa affermazione ancora più sorprendente era il fatto che a parlare fosse uno scrittore, Tim-Thilo Fellmer.

Questo autore tedesco aveva fatto un percorso che non solo lo aveva portato a diventare da analfabeta ad autore di libri per bambini, ma che gli aveva anche permesso di passare dal vergognarsi del suo problema al parlarne apertamente. La lotta contro l’analfabetismo comporta anche una battaglia pubblica contro un tabù: si stima che circa 7,5 milioni di persone in Germania siano funzionalmente analfabeti. Quando la professoressa di Amburgo Anke Grotlüschen fece questa rivelazione pubblicamente nel 2011, ottenne una cosa mai successa prima: i principali media in Germania rivolsero la loro attenzione a un aspetto che riguardava l'educazione degli adulti.

 

Il trucco e come è riuscito

Il successo di Grotlüschen nell’attirare l’attenzione dei media sulla causa dell’educazione degli adulti dipende molto dal fatto che il suo team aveva preparato i risultati in modo adeguato ai media, usando un "press kit". Avevano tenuto conto dei meccanismi alla base dell’attenzione e dell’efficacia dei media: alto valore delle notizie, un ampio gruppo di persone interessate, un messaggio chiaro, notizie recenti e di attualità. Un autore che ammette di avere un passato da analfabeta è stata una delle molte mosse mediatiche astute. In poche parole, il team di Grotlüschen possedeva capacità di alfabetizzazione mediatica degne di esperti agenti dei media.

Il progetto LEK: imparare a promuovere l’educazione degli adulti

Fare uso di esattamente questo tipo di capacità mediatiche su larga scala nel campo dell’educazione degli adulti era l’obiettivo del progetto europeo Erasmus + LEK (Let Europe Know about Adult education). Il progetto è stato coordinato dall’organizzazione tedesca per l'educazione cattolica degli adulti KEB, e si è concluso a settembre 2018 dopo tre anni di attività. L’idea era fare in modo che professionisti dei media ed esperti di piani di studio collaborassero con operatori del campo della formazione nelle competenze di base per sviluppare materiale di insegnamento e apprendimento dedicato a migliorare le competenze dei formatori degli adulti nel campo dei media.

L'iniziativa ha prima progettato e poi organizzato seminari e webinar aperti per formatori e lavoratori delle ONG operanti nella formazione degli adulti in tutta Europa. L’obiettivo generale era migliorare le competenze giornalistiche e mediatiche applicate dei partecipanti. In questo modo, argomenti come offerta delle competenze di base, alfabetizzazione e istruzione degli adulti in generale, che sono spesso trascurati sui media pubblici, potevano acquistare visibilità nei media locali e regionali.

 

Apprendimento pratico

Il piano di studi scritto dai partner del progetto CONEDU, Austria, e Akademie Klausenhof, Germania, consiste in sei moduli e dà un'idea dell’ambito e dei temi del materiale: "“Valore delle notizie giornalistiche", "Raccolta delle informazioni rilevanti", "Scrittura come processo di costruzione/costruttivo: tra realtà, stereotipi e PR", "Usare e scrivere per i media online", "Rendere l’educazione degli adulti più visibile nei media" e "Scrivere ottimi testi di PR".

Durante i corsi, i partecipanti hanno imparato, per esempio, come scrivere comunicati stampa brevi ed efficaci che cominciano con una frase accattivante e contengono tutte le informazioni necessarie. Hanno imparato anche come trovare una buona storia nel settore, apparentemente privo di eventi, dell'offerta delle competenze di base. Usare un esempio illustrativo o creare eventi speciali sono entrambi modi per attirare l’attenzione sull’argomento.

 

Un kit di competenze mediatiche che tutti possono usare!

I moduli di insegnamento sono stati tutti valutati nei sei diversi paesi partner (Norvegia, Finlandia, Danimarca, Belgio, Germania, Austria) usando un metodo di valutazione scientifica elaborato dall’Università libera di Berlino. I risultati della valutazione sono serviti per migliorare ulteriormente i singoli moduli.

Una delle caratteristiche peculiari del piano di studi è un gioco sperimentale che simula come creare una campagna regionale sulla fornitura di competenze di base. Questo metodo è particolarmente utile per tener conto delle condizioni locali che caratterizzano le diverse realtà europee, dalla Romania alla Norvegia.

Tra gli altri risultati del progetto ci sono webinar registrati e accompagnati da un manuale, sviluppati dalla Rete norvegese per l’educazione degli adulti, nonché una brochure contenente i più importanti principi giornalistici per i formatori degli adulti, scritta dall’Associazione danese per l’educazione degli adulti.

Uno degli obiettivi del progetto sin dal suo inizio era dare ai formatori degli adulti competenze migliori per scrivere per media e portali europei che si occupano del settore, come EPALE. LEK ha sviluppato un opuscolo che contiene consigli pratici su come usare EPALE nell’ambito del piano di studi.

Il progetto si è concluso in occasione della Conferenza della Rete europea delle competenze di base a Berlino a giugno 2018. Il materiale, gradualmente completato, può essere consultato e scaricato in diverse lingue attraverso la homepage in forma di risorsa didattica aperta (RDA).

www.let-europe-know.eu

Ti invitiamo a partecipare alla discussione live di EPALE sul ruolo dell’alfabetizzazione mediatica nell’educazione degli adulti. La discussione sarà in inglese e si terrà su questa pagina il 27 settembre 2018. Sarà moderata dal Coordinatore tematico di EPALE Markus Palmén.

Ci auguriamo di incontrarti lì!


Il dott. Michael Sommer dell’Akademie Klausenhof è giornalista, redattore di Zeitschrift Erwachsenenbildung e coordinatore del progetto LEK.

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
  • Ritratto di Jolanta_ Zastavnaja_
    Lai sasniegtu mērķi, atbalstot mūžizglītību,to ir jāpopularizē , organizējot vebinārus, konferences un citus publiskus pasākumus. Es piekrītu , ka pašiem pieaugušo izglītotājiem ir nepieciešamasmediju pratība. Šī projekta devums sabiedrībai ir, projekta rezultātā izveidotā brīvpieejas mācību resurss.
  • Ritratto di Carlos RIBEIRO
    Notes and details about the interesting article about LEK project:

    "The learning modules were all evaluated in the seven different partner countries (Norway, Finland, Denmark, Belgium, Germany, Austria)"...and the seventh country was Portugal.....

    Just a detail more, the evaluator was the Free University of Brussels--not Berlin....