chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Il nutrimento come apprendimento: l’importanza delle fattorie sociali per le persone con disabilità

16/12/2016
by Andrew McCoshan
Lingua: IT
Document available also in: EN FR DE ES PL NL HU LT ET

 

L’agricoltura sociale offre servizi di assistenza sanitaria, sociale o educativa a persone di vari gruppi vulnerabili attraverso un programma strutturato di attività agricole e promuove la salute mentale e fisica permettendo di trascorrere del tempo lavorando a contatto con la terra. Andrew McCoshan ha visitato la fattoria Nineveh Ridge Care Farm, in Inghilterra, per studiare questo fenomeno.

 

Da tempo è noto che le fattorie sono un ambiente ideale per rispondere alle esigenze di apprendimento e di sviluppo delle persone con disabilità di vario tipo e, nel corso degli anni, in alcuni paesi europei si è verificata una crescita delle reti che riuniscono questo tipo di organizzazioni. Nineveh Ridge Care Farm (collegamento esterno) è un tale esempio.

La fattoria Nineveh Ridge opera come organizzazione sociale no-profit e assiste ogni settimana circa 85 persone dagli 8 ai 75 anni, affette da problemi di vario tipo, dalla demenza all’autismo altamente funzionale in ragazzi di età intorno ai 20 anni. Come afferma Pippa Bannister, che gestisce la fattoria con suo marito Mark: “accogliamo chiunque sia vulnerabile”. I clienti sono seguiti individualmente e la maggior parte di loro trascorre alla fattoria un giorno alla settimana.

Durante il loro soggiorno, imparano numerose attività, diverse a seconda delle loro esigenze, che vanno dall’accudimento degli animali ai lavori di giardinaggio e dell’orto (dove è presente anche una zona adatta alle persone in sedia a rotelle) fino alle attività artigianali e di falegnameria. Grazie a queste attività i clienti sviluppano una maggiore consapevolezza personale, sociale ed emozionale, oltre a competenze pratiche che, in alcuni casi, sono utili per ottenere delle qualifiche.

Tutti i clienti frequentano Nineveh Ridge con regolarità: “le persone hanno a disposizione un periodo di prova, ma al termine non accade mai che interrompano la loro esperienza”, dichiara Pippa. I clienti giungono alla fattoria attraverso le reti di assistenza sociale dello staff e questa struttura è una delle preferite da molti operatori sociali della zona.

Trascorrendo del tempo con Pippa e Mark non è difficile comprendere i motivi per i quali hanno successo.

 

 

L’importanza di un ambiente dedicato al nutrimento e alla cura

Le attività che consistono nell’accudire gli animali o nel coltivare le piante sono per i clienti l’occasione per prendersi cura di qualcosa in prima persona. “Per persone che sono state trascurate, si tratta di uno strumento estremamente efficace”, spiega Pippa.

In questo modo, i clienti imparano anche ad aver cura di se stessi.

Il valore della cura degli animali

Imparando a nutrire gli animali, i clienti apprendono anche a nutrire se stessi. Prestando attenzione ai bisogni di base degli animali, come cibo, acqua, esercizio, pulizia e affezione, scoprono le proprie esigenze e iniziano a considerarsi come meritevoli di cura e nutrimento. Gli animali diventano uno strumento per imparare a coltivare o a modellare la natura positiva delle relazioni interpersonali. Gli animali incoraggiano l’interazione: molti dei nostri clienti hanno problemi di interazione sociale, hanno difficoltà ad accettare che altre persone accedano al loro spazio personale o in altri casi invadono lo spazio degli altri. Parlando di ciò che i diversi animali amano o non amano e facendo il confronto tra le due situazioni, i clienti sono incoraggiati a relazionarsi in modo corretto con gli altri e a recuperare la fiducia nelle relazioni.

Una diversa atmosfera e un supporto individuale

La fattoria sociale, con il suo contesto rurale e l’elevato numero dei suoi collaboratori, che se necessario hanno un rapporto di uno a uno con i clienti, è profondamente diversa dagli altri luoghi che essi conoscono. Non è un’istituzione, anzi, dispone di spazio e offre una giornata strutturata e organizzata specificamente per le esigenze di ogni singolo individuo. Pippa cita il caso di un ragazzo affetto da autismo, escluso dalla scuola speciale per problemi comportamentali, che però nel loro caso non ha creato alcun problema “perché abbiamo lo spazio necessario per condurlo all’aperto e aiutarlo a superare i momenti critici”.

 

 

Il riconoscimento dei progressi

La fattoria conferisce certificati di merito e di qualificazione in cura degli animali e orticoltura. Pippa, che ha una formazione di insegnante, è l’esaminatore interno. La qualifica non prevede attività scritte ma si basa sull’uso di video, foto, rappresentazioni grafiche delle attività e così via.

Passione e dedizione

È chiaro che, senza questo, la fattoria sociale non sarebbe possibile. Come ricorda Pippa, “Diamo ai clienti ciò di cui hanno bisogno… il nostro personale è composto di persone che condividono questa passione”. Per far questo, non è sufficiente soddisfare le loro esigenze immediate, a volte giungiamo a fornire consulenze a domicilio alle famiglie, anche se questo non è incluso nella retta che riceviamo per i clienti.

Nonostante svolgano un lavoro tanto prezioso, sono tempi difficili per le fattorie sociali come Nineveh Ridge, nel Regno Unito. I tagli ai finanziamenti hanno portato alla chiusura delle strutture regionali di supporto e delle altre attività di assistenza sociale da cui in precedenza dipendevano i loro clienti, di conseguenza, Nineveh Ridge è spesso un’isola di speranza per un futuro migliore. Pippa, Mark e il loro team dedicato proseguono però senza esitazioni: hanno appena aperto un nuovo laboratorio di falegnameria con l’obiettivo a lungo termine di vendere prodotti in legno riciclato per coprire i costi della frequenza dei loro clienti.

 

Andrew McCoshan ha lavorato nel settore dell’istruzione e della formazione per oltre 25 anni. Da più di 10 anni si è specializzato nelle valutazioni e negli studi di sviluppo delle politiche per l’UE. Attualmente, Andrew è un consulente indipendente e Senior Research Associate presso l’Educational Disadvantage Centre dell’Università della Città di Dublino, in Irlanda, e un Esperto ECVET per il Regno Unito.

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
  • Ritratto di Fruzsina Váradi
    Köszönöm ezt a remek összefoglalót. Jó látni, hogy vannak "szenvedélyesen elkötelezett" emberek, akik odaadással és lelkiismeretesen végzik dolgukat a jó cél érdekében. A fogyatékos személyeknek sokszor egy ilyen hely és csapat nyújt lehetőséget arra, hogy teljes életet élhessenek. A farmnak nagy előnye, hogy a hasznosan eltöltött időn túl képzettséget is ad, amely a jövőbeli megélhetés kulcsát jelentheti a résztvevőknek.
  • Ritratto di Riina Kütt

    Väga tänuväärne töö, suurepärane kontseptsioon ning hea ülevaate-artikkel. 

    Meil on Eestis palju tühja maad, ääremaad, talukohti. Samas on abivajajate hulk suur. Nagu näha OSKA anaüüsist, on lasteaiaõpetajaid tööpõllul üle jäämas. Hetkel näib puudu olevat vaid ettevõtlikuse komponent.

    Võib-olla keegi ikkagi võtab ette?!