Salta al contenuto principale
Blog
Blog

Politiche attive del lavoro in Italia, a che punto siamo? Un master per diventarne esperto

La questione delle politiche attive del lavoro in Italia è storicamente complessa e le ragioni di questa complessità non sono solo di natura tecnica (ripartizione delle competenze legislative fra Stato e Regioni, ad esempio), ma anche culturali ed antropologiche. Il Master di primo livello proposto da IUL - Italian University Line intende formare una figura professionale strategica, anche alla luce della fase critica del mercato del lavoro determinata dalle conseguenze della pandemia, e in grado di muoversi tra domanda di lavoro, nuove competenze e formazione.

La IUL – Italian University Line – organizza un Master di primo livello e corso di alta formazione per Esperto in servizi e politiche del lavoro, 1500 ore per 60 CFU.

Chi è l’esperto e perché creare questa figura?

Le molteplici ragioni sono state ben illustrate nel corso del webinar Le politiche attive del lavoro in Italia. A che punto siamo? che la stessa IUL ha organizzato martedì 15 febbraio, a poche settimane dall’inizio del Master, lasciando la parola a 6 esperti ed attori delle politiche del lavoro che dai loro diversi punti di vista hanno delineato il quadro dell’attuale situazione.

La questione delle politiche attive del lavoro in Italia è storicamente complessa e le ragioni di questa complessità non sono solo di natura tecnica (ripartizione delle competenze legislative fra Stato e Regioni, ad esempio), ma anche culturali ed antropologiche. Le varie misure intraprese negli anni non sono riuscite ad eliminare il disallineamento tra mondo del lavoro e formazione, e lo scollamento tra le competenze acquisite dai singoli nei percorsi scolastici e formativi e quelle effettivamente richieste dai datori di lavoro è divenuto sempre più evidente. Questo problema diventa ancora più rilevante alla luce della fase critica che attraverserà il mercato del lavoro in Italia quando avverrà la fine del blocco dei licenziamenti e, contemporaneamente, un cambiamento nelle dinamiche delle assunzioni.

Il Piano straordinario di potenziamento dei centri per l’impiego e delle politiche attive del lavoro del 28 giugno 2019 e le più recenti Modifiche al Piano straordinario di potenziamento dei centri per l’impiego e delle politiche attive del lavoro istituite con Decreto Ministeriale 59 del 22 maggio 2020, in piena pandemia, hanno ribadito l’importanza di una formazione per gli operatori che lavorano presso i Centri per l’impiego all’interno dei quali è in atto un grande rinnovamento: con l’istituzione del Reddito di cittadinanza, infatti, fino a 11.600 nuovi operatori entreranno stabilmente nei servizi, molti di più di coloro che nei Centri operavano all’inizio del 2019 pari a circa 8 mila unità. Il decreto evidenzia quindi l’importanza di una formazione per tutti gli operatori.

In questo scenario così dinamico, per poter offrire servizi di qualità ai beneficiari delle politiche attive del lavoro è dunque necessario che per gli operatori – sia i nuovi assunti che quelli già in organico – vengano previsti percorsi formativi e di aggiornamento.

In questo contesto si inserisce il Master Esperto in servizi e politiche del lavoro. Come sottolinea Flaminio Galli, Direttore della IUL, oggi l’offerta formativa tende ad un approccio prevalentemente settoriale. Privilegia spesso un solo aspetto, quello giuridico, o economico, pedagogico, o socio-psicologico, mancando di una visione più globale che contempli la pluralità degli ambiti. Occorre invece creare una professionalità di carattere multidisciplinare perché solo così sarà possibile supportare concretamente le persone che faticano a collocarsi o ricollocarsi da sole nel mercato del lavoro. Come evidenzia Gianni Bocchieri nel corso del webinar, il mercato del lavoro non è un unicum. Ce ne sono molti e le differenze non sono solo tra Nord e Sud, ma anche all’interno di coordinate orizzontali, tra Nord e Nord o Sud e Sud. Occorre pertanto agire con una formazione che sia il più possibile flessibile, personalizzata e basata anche sulle reali esigenze territoriali.

Ci sono però anche buone notizie. Paola Nicastro DG di Anpal evidenzia come il Fondo nuove competenze, uno strumento di upskilling e reskilling nato da poco e divenuto operativo a fine novembre 2020 per rispondere al mismatch di competenze, sta portando risultati interessanti: migliaia sono le domande ricevute e circa 800 le istanze approvate per 800 aziende, oltre alle istanze cumulative. Sono più di 100 mila i lavoratori che ad oggi usufruiranno dei percorsi di sviluppo delle competenze programmati con i sindacati per circa 9 milioni di ore.

 

IUL: Master di primo livello per Esperto in servizi e politiche del lavoro:

Il percorso formativo, in collaborazione con Talent4You e patrocinato da Fondazione Lavoro, terrà conto di tutti gli elementi di cui sopra e formerà una figura professionale che sarà in grado di:

•    effettuare il coordinamento delle attività di orientamento in contesti formativi formali e informali;•    effettuare il controllo delle attività di supporto all’inserimento lavorativo degli utenti all’interno del mercato del lavoro;•    sviluppare l’autoimprenditorialità all’interno dell’incontro da domanda e offerta;•    individuare, validare e certificare le competenze;•    accompagnare i processi di inclusione sociale e di inserimento lavorativo. 

Le competenze in uscita, alla fine del percorso formativo, saranno necessarie per operare in contesti organizzativi diversi: le agenzie per il lavoro autorizzate alla somministrazione, all’intermediazione, alla selezione e outplacement, gli enti di istruzione e formazione professionale, gli operatori accreditati ai servizi al lavoro, i Poli tecnico professionali che coinvolgono più istituzioni scolastiche, le università e le altre forme di istruzione e formazione superiore (accademie, conservatori ecc), i centri per l’impiego, nonché gli enti per i quali fornire counselling orientativo su specifici target di utenza, progetti e/o azioni di politiche attive del lavoro.

 

Termine ultimo per l'iscrizione: 28 febbraio 2021

Ulteriori informazioni

  
Login (3)

Want to write a blog post ?

Don't hesitate to do so! Click the link below and start posting a new article!

Ultime discussioni

Discussione EPALE: come incrementare l'educazione delle persone adulte con disabilità

Come parte del focus EPALE di Giugno dedicato al tema delle persone con disabilità, vorremmo conoscere i vostri punti di vista su come valorizzare ed incrementare l'educazione degli adulti con disabilità. La discussione è in programma il giorno 8 giugno alle ore 14:00 CEST.
Altro