chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

Blog

Sintesi EPALE: il tema di maggio è la cittadinanza attiva

09/06/2017
di Simon BROEK
Lingua: IT
Document available also in: EN HU PT LT DE FR PL ES CS

/it/file/epale-summary-active-citizenshipEPALE summary Active Citizenship

EPALE summary Active Citizenship

 

Il coordinatore tematico Simon Broek riflette sul tema di maggio di EPALE, dedicato alla cittadinanza attiva

EPALE ha scelto di concentrare la sua attenzione sulla cittadinanza attiva, sottolineando sia il modo in cui l'apprendimento degli adulti può contribuire a favorirla, in un periodo in cui è particolarmente necessaria, sia i problemi che vi sono connessi.

L'educazione alla cittadinanza è un passo importante per la costruzione di società sane. Essa aiuta le persone a conoscere meglio i diritti umani e di cittadinanza, spiegando quali sono i principi e le istituzioni del proprio paese e facilitando l'impegno degli studenti nel diventare cittadini attivi. Favorisce inoltre l'esercizio del giudizio e del pensiero critico, sviluppando il senso delle responsabilità individuali e collettive e coltivando la partecipazione alle comunità locali e alla democrazia a tutti i livelli.

Nella sintesi di questo mese ho deciso di analizzare alcuni interessanti blog dedicati a questo argomento.

 

Nelle società in evoluzione, la cittadinanza attiva e l'apprendimento degli adulti sono sempre più importanti

Nel post del suo blog Promoting tolerance and understanding – the unique role of adult education (Promuovere la tolleranza e la comprensione: il ruolo unico dell'istruzione degli adulti), Andrew McCoshan mostra che l'apprendimento degli adulti può svolgere un ruolo importante nell'applicazione della Dichiarazione sulla promozione della cittadinanza e dei valori comuni di libertà, tolleranza e non discriminazione attraverso l'istruzione. Gli studi mostrano che l'istruzione degli adulti può essere uno strumento efficace per aumentare l'inclusione sociale tra i cittadini vulnerabili. Gli studenti vulnerabili, ad esempio, conseguono migliori competenze linguistiche, sono più attivi nel vicinato, meno isolati e più assertivi.

Il post scritto dal professor Pirkko Pitkänen e dalla dottoressa Amalia Sabiescu indica che la questione della cittadinanza attiva è estremamente importante per la legittimazione della governance democratica, poiché dipende dalla misura in cui le strutture e le prassi democratiche vengono fatte proprie dai singoli individui. In pratica, tuttavia, le giovani generazioni sono più passive rispetto all'impegno politico e sociale dei cittadini più adulti, almeno per quanto riguarda le forme di partecipazione tradizionali. Più che la partecipazione sociale che va dall'alto al basso, i nativi digitali preferiscono gruppi e comunità virtuali organizzati principalmente come reti di pari, in cui i singoli e le loro comunità possono esercitare azioni incisive e diventare elementi di cambiamento.

 

Il ruolo dell'apprendimento degli adulti nella cittadinanza attiva e nella creazione delle comunità

Come discusso nel podcast EPALE sulla cittadinanza attiva, l'apprendimento degli adulti può fornire un contributo su molti fronti, tra cui il rinnovamento dell'impegno, la creazione dei legami all'interno delle comunità, l'apprendimento dei valori democratici, l'eliminazione dei pregiudizi, lo sviluppo delle capacità di pensiero critico (per individuare le notizie false presenti sui mezzi di comunicazione) e la prevenzione dell'esclusione e della xenofobia. Il dibattito, inoltre, spiega che l'apprendimento degli adulti ha un valore risolutivo dei problemi legati al nuovo sviluppo, oltre che per le esigenze degli adulti che devono riposizionarsi in un ambiente in rapido mutamento.

Come illustrato da Andrew McCoshan nel suo blog, l'apprendimento degli adulti può contribuire all'applicazione dell'agenda delineata dalla dichiarazione e:

  • sviluppare approcci estesi a tutte le istituzioni
  • creare prassi autentiche basate sulla collaborazione e sulle partnership con i gruppi delle comunità e del terzo settore
  • raggiungere ogni comunità
  • assicurare che gli approcci pedagogici siano sensibili alle differenze culturali
  • garantire una leadership efficace per la diversità
  • offrire un'istruzione degli insegnanti realmente efficace

L'attenzione di EPALE alla cittadinanza attiva ha messo in luce vari esempi interessanti in questo settore e nel coinvolgimento dell'apprendimento degli adulti, come l'iniziativa Waste No Time – Creative Approaches to Active Citizenship initiative (Non perdere tempo: approcci creativi alla cittadinanza attiva).

 

Le difficoltà legate al ruolo dell'apprendimento degli adulti nella cittadinanza attiva

Lo sviluppo della cittadinanza attiva attraverso l'apprendimento degli adulti non è privo di difficoltà. Pirkko Pitkänen e Amalia Sabiescu indicano che il sistema europeo di istruzione degli adulti presenta seri problemi nel soddisfare le esigenze educative delle persone più vulnerabili, cioè di coloro che hanno un basso livello di alfabetizzazione funzionale o di base o carenze nelle competenze linguistiche e culturali, situazioni che ostacolano l'assunzione di un ruolo attivo nella società.

Andrew McCoshan ricorda le difficoltà legate al fatto che l'istruzione degli adulti è dedicata in gran parte al miglioramento delle competenze linguistiche, matematiche e digitali di coloro che non le hanno acquisite in modo sufficiente durante la formazione scolastica. È davvero così importante che la cittadinanza sia considerata una "competenza di base" nell'istruzione degli adulti? Se la cittadinanza viene considerata in questo modo, inoltre, occorre chiedersi come procedere in questo senso. Quanto è realistico aspettarsi che la cittadinanza sia integrata in tutte le forme di istruzione delle competenze di base per gli adulti? Quali potrebbero essere gli ostacoli?


Simon Broek ha partecipato a vari progetti di ricerca europei sui temi dell'istruzione, dei problemi del mercato del lavoro e del settore assicurativo. È stato consulente della Commissione europea, del Parlamento europeo e delle agenzie europee per gli aspetti legati alle politiche dell'istruzione, l'apprendimento permanente e il mercato del lavoro. È inoltre Managing Partner dell'Istituto di supporto alle politiche di Occam.

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
  • Ritratto di Yasin USTA

    nice, sensible findings; I hope these articles could be taken into account and new techniques can be built on it.