chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Realizzare un progetto: tutta una questione di comunicazione?

14/05/2018
by Alessandra Cecc...
Lingua: IT
Document available also in: FR EN

La gestione di un progetto è un'attività in cui le questioni legate alla mobilità (linguistica e professionale) sono importanti. Il contesto dei progetti, in particolare quelli europei (ad esempio, da un elenco che rappresenta circa 450 tipi di sovvenzioni disponibili, compresi il programma H2020, il programma Erasmus + e i fondi strutturali), che sono comunemente intrapresi da università, scuole di lingue, organizzazioni di formazione e imprese, ci segnala l'importanza che dovremmo accordare alla competenza interculturale, per la quale prepariamo un gran numero di studenti.

La competenza interculturale è una delle numerose competenze professionali. È una competenza sociale, ma è anche tecnica, partecipativa e metodologica.

/it/file/shutterstock177992777jpg-0shutterstock_177992777.jpg

L'interculturalità si basa sull'implementazione di comportamenti comunicativi / interazionali tenendo conto della diversità dei partecipanti: tolleranza, empatia, aspettative positive sono essenziali. (Carlos A. Rabassó, professore associato di ESC Rouen e Fco, Javier Rabassó, ricercatori nel campo della gestione interculturale e della pedagogia linguistica si occupano in particolare di questo problema nel loro libro, vedi riferimento 2015). L'interculturalità non è solo una questione di nazionalità o di lingua. Il concetto riguarda anche le diverse culture professionali che devono essere prese in considerazione in un gruppo di lavoro come un progetto multi-partner, che sia transnazionale o meno. Tuttavia, in questo caso, la questione della lingua rimane una preoccupazione centrale.

I metodi di lavoro in un progetto collaborativo (e ancor più quando il consorzio è rappresentato da persone provenienti da diversi paesi) richiedono strumenti che consentano alle persone di lavorare in remoto. Per sviluppare la competenza interculturale, è importante che le persone coinvolte possano interagire regolarmente. Inoltre, possiamo presumere che le nuove tecnologie spingano ad avere un senso più sviluppato dell'apertura relazionale, anche a distanza. Quindi è importante che tutti coloro che sono coinvolti in un progetto collaborativo siano attenti durante le discussioni e le riunioni, anche se questi non vengono condotti faccia a faccia.


Realizzare progetti di successo, nel caso ad esempio dei progetti europei, dipende da una buona comunicazione tra i partner. Il ruolo del coordinatore è molto importante, soprattutto nel mantenimento della motivazione dei partner a partecipare al progetto. In questo tipo di contesto interculturale, più i partecipanti hanno in comune (spesso più personalmente e professionalmente), più forte è la motivazione. E questo a sua volta facilita la comunicazione.

Le mie osservazioni sono particolarmente focalizzate su questa attività di gestione e di partecipazione a un progetto transnazionale. La struttura del progetto richiede di rispondere, in un periodo più o meno lungo (da 1 a 3 anni) agli obiettivi formalizzati in un documento di candidatura a cui il partenariato deve fare riferimento. Il successo di un progetto è valutato in relazione al raggiungimento di obiettivi e impatti predeterminati. Una delle condizioni di successo è la comunicazione tra i membri del consorzio. Essere in grado di lavorare insieme per raggiungere insieme un prodotto progettuale che il team partecipante sarà in grado di sfruttare appieno.

Una delle principali sfide nelle prime fasi del progetto è quella di creare una cultura comune tra tutti i membri della partnership. Ciò comporta discussioni che permettando di comprendere i contesti, le aspettative e i ruoli degli strutture professionali che partecipano al progetto. Gli scambi (riunioni transnazionali) devono aumentare la consapevolezza della rete di relazioni contrattuali che circondano il progetto e aiuteranno gradualmente i partecipanti a comprendere e diventare parte di un'entità culturale che non è necessariamente la loro. Questo sarà a vantaggio delle attività del progetto.
 

Ed è qui che la questione della lingua è importante. In un contesto professionale transnazionale come quello descritto in precedenza, gli individui usano una lingua come parte fondamentale del modo in cui rappresentano la loro (multipla) identità tra gli altri "utenti". La lingua può essere un mezzo per proiettare o costruire un mondo comune. Uno degli obiettivi del leader del progetto è quello di essere in grado di dimostrare unità, coesione, anche un senso di rispetto per la diversità, per creare un obiettivo comune e realizzabile che includa la fiducia e un legame sociale (tra le altre cose) che consentano ai partner di progredire in un ambiente positivo, pertinente ed efficace.
 

Sembra ragionevole supporre, quindi, che la lingua di lavoro scelta per le discussioni e per l'uso nelle attività associate al progetto (in particolare la lingua o le lingue in cui verranno prodotti i risultati) si basi su una scelta strategica che garantisca a tutti una forma di sicurezza (principalmente professionale). Ciò significa che il gruppo deve stare attento a non mettere in difficoltà i membri partecipanti scegliendo una lingua o metodi di comunicazione che siano inappropriati per le possibilità linguistiche del consorzio.

In ogni situazione della vita sociale, ogni individuo è costruito secondo diverse aree di identità e anche secondo un'identità collettiva, direttamente correlata al(i) luogo(i) in cui si evolve. È una fusione di identità. L'individuo singolo fa parte di molti ambienti e comunità. Nell'approccio a un progetto collettivo, la questione linguistica, in quanto referente dell'identità presa per il collettivo, assume una grande importanza nella proiezione di quella che sarà l'identità collettiva, quindi l'identità del progetto in cui è presente questo linguaggio diventa un referente essenziale. Se il consorzio lavora, scambia, produce in francese, non rende disponibili i suoi prodotti nelle stesse reti come se si svolgesse in inglese, tedesco, spagnolo, rumeno, ecc. Il riconoscimento delle lingue da parte dell'Unione europea è, da questo punto di vista, abbastanza discutibile.


La lingua deve contribuire alla motivazione collettiva per realizzare un progetto che abbia effetti duraturi nelle regioni interessate.

 

Roseline Le Squère

---------------

Roseline Le Squère è esperto per EPALE Francia. Le sue ricerche presso l'Université Bretagne Sud sono dedicate all'apprendimento degli adulti e ai collegamenti tra istruzione, apprendimento, occupazione, economia. 

 

Riferimenti:

BLANCHET, P., 2003, « Identités culturelles », article de dictionnaire, dans : Férréol, Gilles, Jucquois, Guy , (sous la direction de), Dictionnaire de l’altérité et des relations interculturelles, éd° Armand COLIN, Paris, pp. 155-161

RABASSO, C. et J., 2015, Introduction au management interculturel : pour une gestion de la diversité, 2ème édition, Ellipses

FERREOL, G., JUCQUOIS, G. (sous la direction de), 2004, Dictionnaire de l’altérité et des relations interculturelles, éd° Armand Colin, Paris, 354 pages

GUMPERZ, J.J., 1989, Engager la conversation : introduction à la sociolinguistique interactionnelle, Paris, Les éditions de minuit

GUMPERZ, J.J., 1989. Sociolinguistique interactionnelle, une approche interprétative, Paris, L’Harmattan
 

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
  • Ritratto di Roseline Le Squère

    Même si la langue de travail (autre que le français) peut faire peur, lancez-vous ! Et même si le projet se déroule en français, il est toujours très utile de communiquer et de valoriser son projet dans d'autres langues afin d'en faire bénéficier le plus grand nombre, et faire que son projet soit visible.

    Dans les groupes de travail des projets européens, on entend souvent : "il n'y a que l'anglais des Anglais qu'on ne comprend pas!" Cette formule humoristique renvoie bien au fait que, très souvent, la langue employée dans les groupes de travail, est un "anglais européen" où le contexte de travail commun favorise beaucoup la compréhension et la communication des membres du groupes.

    La démarche professionnelle projet est un très bon moyen de valoriser toutes les langues d'Europe.

    Sans faire de l'anglais une langue dominante absolue, ce contexte de travail est une façon, par les échanges des partenaires et les mobilités, de faire découvrir d'autres langues, d'autres cultures. Et d'enrichir les pratiques linguistiques et communicationnelles de tous.