chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa

 
 

Blog

Alcune idee per motivare chi partecipa ai corsi online

05/02/2019
by Alessandra Cecc...
Lingua: IT
Document available also in: PL FR DE

Tradotto dalla versione francese.

Il problema è noto: l'apprendimento è difficile soprattutto perché dipende dalla nostra autodisciplina e, come si sa, molte persone hanno problemi con questo aspetto del proprio carattere e non vale la pena convincersi che non sia vero. Io, per esempio, regolo l'asta della tenda dopo un mese e l'altalena sul balcone è coperta dalla neve, per lungo tempo ho procrastinato lo smontaggio. Personalmente, non ho nulla contro i test online, a volte li guardo mentre faccio formazione, e talvolta li uso durante l'apprendimento. Fortunatamente le persone hanno inventato tante tecniche per motivare l'apprendimento e queste sono quelle di cui voglio parlare:

Primo: ricompense!

Le ricompense sono una delle cose più motivanti, per questo bisogna riflettere su quale ricompensa sia migliore per fare appello alla motivazione delle persone nella formazione online. Deve trattarsi di una ricompensa accessibile a tutti. Al tempo stesso non dovrebbe aumentare le spese della formazione. Se siamo nel caso di una formazione su larga scala, pensare di distribuire Ipod come ricompensa non è ottimale. Bisogna valutare bene quale ricompensa e quale sia il modo migliore per inserirla nella formazione.

Secondo: gentilezze

Lo strumento educativo di base è sempre il dare un feedback positivo, anche se per un momento ho esitato nello scrivere "positivo", ma è così! Credo che il metodo della "nonna buona" che loda sempre i suoi nipoti sia migliore che quello della mancanza di riscontro. Si scopre anche che anche in situazioni in cui una persona viene lasciata sola con i materiali didattici, questo metodo risulta efficace. Un buon esempio è stato dato da Sugata Mitra al TED: risulta che le informazioni positive retroattive facciano miracoli.

Terzo: mostrare il progresso

Un esempio interessante è la forma di ricompensa che l'applicazione di geolocalizzazione Foursquare ha già messo in pratica. Per utilizzare la App, nell'aggiungere alla mappa nuovi luoghi e opinioni su questi ultimi, otteniamo delle ricompense - delle medaglie. Oggi possiamo fare lo stesso anche sulla piattaforma Moodle.

In questo modo costruiamo il nostro profilo e siamo ricompensati. Semplice e efficace, resta solo da sapere se questo sia sufficiente. Personalmente non penso che lo sia, perché questo ci motiva non a ricevere più medaglie, ma a competere con i nostri amici e a far sfoggio su Facebook di dove siamo.

Quarto: corrompere!

Nonostante la connotazione negativa, la corruzione di un discente online può essere efficace. Un esempio interessante sono i portali di gioco online come omgpop.com (se volete chiedermi se gioco, rispondo: sì, gioco). I giochi funzionano a livello di browser e, a causa del loro modello di competizione, gli altri giocatori sono incredibilmente avvincenti. Ovviamente, come è naturale, la curva dell'eccitazione ha funzionato ma dopo pochi giorni non mi è piaciuto più - e ho trovato qualcos'altro. Eppure ammetto, ed è così - di aver sperperato tutto il capitale "virtuale" per abbellire il mio mezzo, quindi mi sono un po' perso e scoraggiato (qualcosa come il modulo difettoso, che deve essere ripetuto). Sono rimasto tranquillo fino a quando non ho ricevuto improvvisamente un'e-mail con l'informazione che avrei ottenuto altre 5000 unità da spendere se accedo di nuovo e gioco. Quindi: certo che ho giocato! Questo per dire che è possibile motivare in modo efficace e incoraggiare a rientrare senza però spendere soldi.

Quinto: incoraggiare!

Il seguente caso è un'incitazione molto concreta, ad esempio, a iscriversi a un altro corso di formazione, se esistente, all'interno dell'offerta già strutturata. Esempio: World of Warcraft, il classico gioco di ruolo online di massa multigiocatore (MMORPG): un enorme gioco di fiction online multi-persona.

Nella serie Warcraft ho giocato dalla prima edizione, intorno al 1994, ma l'anno 2004 ha portato impressioni molto diverse perché si poteva giocare online con altri giocatori. Poi ho trascurato WoW, ma quello che è successo è stato che il buon incoraggiamento e l'invocazione as associazioni positive hanno funzionato. Ho installato, ho giocato e sono impaziente di sapere cosa seguirà:

Anche il modello di business proposto è molto interessante. Bene! per giocare a WoW Cataclysm, come per altre estensioni, è necessario avere l'installazione di base. La Blizzard per vendere più installazioni Cataclysm ha rilasciato (salvo diversa indicazione) il gioco e gli oggetti di scena per  5$ e 10$. Come conseguenza il gioco continua a vendere da oltre 5 anni - un successo innegabile - e chiede un pagamento simbolico poco prima del lancio del nuovo supplemento "Cambia il mondo", che è una strategia esemplare degna di essere imitata.

Conclusione
La cosa più interessante per gli adulti è il piacere, e questo si può ottenere anche guidando la propria auto. Per il resto, a tal proposito, guardate voi stessi:

Io preferirei partecipare a una gara di questo tipo piuttosto che alla lotteria dei radar che rilevano l'eccesso di velocità.

Piotr Peszko - ingegnere chimico, collabora con università e aziende, imprenditore, organizzatore della conferenza Educamp e fondatore degli studi post-laurea sull'e-Learning al WSE - Wyższa Szkoła Europejska (Scuola superiore europea di Cracovia). Autore del blog www.blog.2edu.pl. Ambasciatore EPALE.

Vedi anche:

Combien de temps cela coûte-t-il pour créer un apprentissage en ligne ?

Coach dans le cloud, ou sur les outils qui améliorent notre travail, partie 1

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
  • Ritratto di Marta Cichy
    Technologia coraz bardziej się rozwija, przy czym osoby starsze coraz chętniej chcą nauczyć się korzystania z komputera. Zrozumiałe jest, że dla seniorów serfowanie po internecie jest dość trudną sprawą. Myślę, że dlatego bardzo dobrym rozwiązaniem będzie motywowanie ich w różny sposób czy to poprzez nagrody rzeczowe czy wirtualne oraz poświęcanie im więcej czasu dla wyuczenia podstawowego, a z czasem nawet zaawansowanego korzystania z internetu.   
  • Ritratto di Anna Kwiatkowska

    Kilka razy miałam przyjemność prowadzić kurs e-learningowy dla osób z niepełnosprawnością intelektualną. Taki sposób edukacji jest wciąż elementem nowym i rzadko spotykanym w ofercie edukatorów osób z niepełnosprawnością intelektualną, dlatego chętnych nigdy nie brakowało. Mimo to zawsze trzeba było umiejętnie utrzymać uwagę i zmotywować do nauki. Dlatego każda podpowiedź, jak wyżej, jest cenna. W przypadku osób z niepełnosprawnością intelektualną takie kursy to możliwość wirtualnego kontaktu z osobami o podobnych potrzebach, szansa na wyjście z izolacji i samotności. Dlatego warto wprowadzać elementy kontaktu i współpracy.

     

  • Ritratto di Maria Jedlińska

    Coraz  więcej starszych osób korzysta z komputera i Internetu. Docenia możliwości, jakie dają nowe technologie.  Zaskakujące jednak jest to, że pomimo poszerzania swojej wiedzy w tym zakresie, preferują tradycyjny sposób uczenia się. Kursy on-line zyskują akceptację jedynie niewielkiej grupy seniorów. Wydaje się, że o ile poznawanie TIK nie jest domeną tylko osób młodych, to narzędzie jakim jest kurs on-line jeszcze chyba tak.