chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - ríomhArdán d’Fhoghlaim Aosach san Eoraip

an tseomra nuachta

Leonardo…pedagogo, l’avreste detto?

26/12/2019
ag Viviana Vitari
Teanga: IT

Di Leonardo da Vinci sembra ormai di aver scoperto lo scopribile. Eppure i geni universali conversano con il futuro al pari di un vate o di un profeta. E’ il retropensiero che conservo dopo essere andata ad ascoltare gli interventi, decisamente straordinari, al seminarioLa mente di Leonardo”: un paradigma pedagogico attuale organizzato  presso la IUL di Firenze e condotto dal rettore  Alessandro Mariani lo scorso 17 dicembre 2019. In realtà ero in visita a Firenze per tutt’altra ragione, ma i relatori, prima ancora del tema, mi hanno convinta a sottrarre un pomeriggio al mio iter.

Non solo non me ne sono pentita, ma mi è rimasta una traccia indelebile, quella di una rilettura moderna di Leonardo da Vinci, non come genio universale ed ingegnoso,  come tutti già lo conosciamo, ma come emblema di una pedagogia attualissima e di forme di apprendimento che oggi definiamo informali. Nonni imprenditori, una madre forse anche schiava, a cui occorre aggiungere un contesto di grande libertà di apprendimento: un quadro inatteso per un personaggio dalla “mente ben fatta” e poliedrica, una figura emblematica anche sotto il profilo dell’autodidassi. Ne risulta una personalità eclettica, che ha ben superato il pericolo della dispersione, pur mantenendo la contaminazione dei saperi.

I relatori hanno indagato Leonardo nel suo sguardo rigoroso e libero, quello con cui scrutava la natura, si ingegnava nella tecnica o agiva artisticamente. La sua bottega era una palestra in cui si insegnava e si apprendeva, una mutua educazione forse quasi a livello di personalizzazione.

Ne è uscito il ritratto di un moderno pedagogo, modello di gusto e di creatività,  costruttore dalla mente plurale.  Una inter-poli-transdisciplinarietà che fa dello stile e della mente di Leonardo un paradigma modernissimo, mentre il seminario si situa in una rilettura del personaggio come emblema pedagogico, ferma restando la genialità originaria del personaggio.

Il prossimo giro potrebbe essere ora alla biblioteca Leonardiana di Vinci.
 

(articolo a cura di Viviana Vitari, bibliotecaria associata AIB, rete RBBG)

/bg/file/menteleonardojpg-3mente_leonardo.jpg

 

 

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn