chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

ríomhArdán d’Fhoghlaim Aosach san Eoraip

 
 

an tseomra nuachta

La “leggerezza” di una pizza acrobatica dà il via ad un progetto di formazione nella Casa Circondariale di Agrigento

19/10/2019
Teanga: IT

Non solo passione per la farina e il forno, ma anche tanta tecnica e allenamento: sono questi gli ingredienti per diventare un acrobata della pizza.

Una squadra di rinominati pizzaioli, appartenenti alla Cifa Unione pizzaioli Italiani, ha portato nella Casa Circondariale di Agrigento una ventata di leggerezza. Così come leggere sono le pizze che volteggiano in aria. Vere e proprie acrobazie, a ritmo della musica. 

Due giorni, 15 e 16 ottobre,  all’insegna del buon gusto e del marchio “Pizza di Qualità Siciliana”, fatta esclusivamente con prodotti dell’isola, anche al fine di incentivare la microeconomia, oltre che a giovare all’ambiente e alla salute dei consumatori.

Anche il nome del progetto, “Aquilone”, evoca leggerezza. Finalizzato all’inclusione e al reinserimento socio lavorativo delle persone in esecuzione penale, prevede tra gli altri step un corso di formazione per pizzaioli, con l’opportunità di un contratto di lavoro presso una cooperativa sociale per quanti avranno conseguito l’attestato di qualifica finale.  

Wilma Greco - Ambasciatrice Epale Regione Sicilia

/it/file/6c5b8ca0-2638-4ee4-aee3-922d7d4bb387jpg-06c5b8ca0-2638-4ee4-aee3-922d7d4bb387.jpg

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn