chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - Plateforme électronique pour l'éducation et la formation des adultes en Europe

Ressource

Ne cadant in obscurum. Il cortometraggio della Casa di Reclusione di Augusta (SR)

Langue: IT

Posté par Wilma Greco

Il cortometraggio “Ne cadant in obscurum” è il frutto di un progetto nato dalla volontà di dare visibilità al lavoro svolto nel corso dell’anno scolastico 2018-19 nelle lezioni di approfondimento culturale nella sezione XII (alta sicurezza) della casa di reclusione di Augusta (SR).

Nel corso di incontri a cadenza settimanale (non sempre regolare), per la durata di circa due mesi, sono stati raccontati i testi, ancor prima di procedere allo loro lettura. Acquisita la sostanza del racconto dantesco, si sono più volte lette le terzine, ad alta voce, per ascoltarsi ed interiorizzarne il messaggio. In questa fase il lavoro è stato gestito dalla prof.ssa Assunta Tirri, volontaria e docente referente dell’I.I.S. Einaudi – sede carceraria.

 In un secondo momento, a partire dalla fine di gennaio si è inserito Giuseppe D’Agata, attore e regista del corto. Professionale e generoso, ha colto appieno le potenzialità dei singoli e li ha abilmente guidati nell’interpretazione dei testi e nella memorizzazione. A lavoro ultimato, ai primi di aprile, Alessio Giacalone e Gianluca Catalano (studenti delle classi VC e IV Bs del Liceo Einaudi) in due appuntamenti di lavoro molto intenso hanno effettuato le riprese nel teatro della Casa di Reclusione. Il montaggio è stato realizzato alla fine di aprile e il cortometraggio è stato presentato alla XII Tenzone dantesca, Nocera Inferiore (Sa) 2-4 maggio 2019.

Nove uomini in regime di reclusione recitano i mostri dell’oltretomba dantesco, nella penombra, per dare luce solamente alle parole. Le fiere crudeli e diverse, evocate con “voci alte e fioche” prendono corpo, escono fuori dai gironi quasi umane. E resistono, faticano a tornare nell’oscurità, guardano in alto e cercano misericordia. Nei versi la forza di chi non vuole essere dimenticato e cerca il riscatto, oltre che il perdono, anche nella bellezza e nella poesia.

La regia di Giuseppe D’Agata, gli “occhi” di Alessio Giacalone e Gianluca Catalano, il sapiente montaggio, ci consegnano un lavoro generoso, visionario e di potente intensità.

Durata: 8 minuti circa

Testi: Inferno III 82-11;  V 1-24; VI 1-33; XXXIV 28-57; Purgatorio  III 119-23

 

Auteur(s) de la ressource: 
Assunta Tirri
Date de publication:
Dimanche, 29 Mars, 2020
Langue du document
Type de ressource: 
Autre
Pays:
Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn