chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Plateforme électronique pour l'éducation et la formation des adultes en Europe

 
 

Ressource

Disponibile il rapporto di metà anno sulle carceri a cura di Antigone

Langue: IT

Posté par Daniela Ermini

Antigone ha presentato questa mattina a Roma il rapporto di metà anno sulle carceri italiane. Come ogni anno, numeri, dati e storie fotografano lo stato di salute del nostro sistema penitenziario così come emerge dalle visite effettuate finora dall'osservatorio dell'associazione.

E purtroppo le notizie non sono confortanti. Ecco alcuni dati su cui riflettere. Ancora oggi le carceri italiane continuano ad essere le più sovraffollate dell’Unione europea e si stima che, di questo passo, l’Italia si ritroverà entro quattro anni nella stessa situazione che produsse la condanna da parte della Corte Europea dei Diritti Umani nel 2013. Il tasso di sovraffollamento è del 119,8%, il più alto nell’area dell’Ue. Il rapporto mostra anche un peggiormaneto complessivo delle condizioni di vita nelle carceri italiane e un tasso di suicidio in cella molto elevato: 26 dall'inizio dell'anno.  

Oltre mille detenuti sono analfabeti, di questi 350 sono italiani. Più del 10% del totale ha solo la licenza elementare. Per questo motivo, sottolinea Antigone, investire sull’educazione e sul welfare costituisce una forma straordinaria di prevenzione criminale.

Per quanto roiguarda l'istruzione in carcere, il rapporto riporta la  chiusura improvvisa di diversi corsi scolastici nei territori del Lazio e della Calabria . Si tratta di segnali preoccupanti di un processo di desertificazione scolastica rispetto al quale è necessario un intervento da parte delle istituzioni scolastiche e della Giustizia, da un lato affinché venga ristabilito il diritto allo studio, un diritto costituzionalmente garantito, e dall’altro per conferire un senso alla pena detentiva. La soppressione delle classi deriva in parte dalla mancata considerazione della peculiarità dell’ambiente carcerario. All’interno di un carcere, spiega Antigone, l’offerta formativa non può essere determinata adottando gli stessi criteri a cui si fa ricorso all’esterno. La volontà di accorpare più classi si scontra in un istituto di pena con il divieto a cui spesso sono soggette diverse tipologie di detenuti di svolgere attività in comune.

/it/file/prerapporto2019-2pdf-0Leggi il rapporto di metà anno di Antigone Numeri e criticità delle carceri italiane nell'estate 2019

Auteur(s) de la ressource: 
https://www.antigone.it/
Date de publication:
Jeudi, 25 Juillet, 2019
Langue du document
Type de ressource: 
Études et rapports
Pays:
Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn