chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Aikuiskoulutuksen eurooppalainen foorumi

 
 

Resurssi

Taste Of Freedom & Slow Food

Kieli: IT

Julkaisija EPALE Italia

Il Progetto Taste of Freedom, finanziato dalla Comunità Europea su un Bando del 2013 ha visto per due anni coinvolti 5 Paesi Europei e le rispettive Condotte Slow Food, al fine di promuovere la cultura del cibo buono, pulito e giusto all’interno di alcuni istituti penitenziari. I paesi coinvolti, Italia, Isole Canarie, Portogallo, Turchia e Lituania hanno promosso un cammino all’interno di 6 carceri, in quasi tutti i casi accompagnati dalle Condotte locali di Slow Food.

/en/file/1jpg-91.jpg

 
L’idea progettuale infatti era quella di riscoprire insieme ai detenuti dei diversi paesi, le tradizioni locali, i prodotti del territorio e le antiche ricette così da diffondere la cultura del cibo buono e della sana e corretta alimentazione. In questo percorso le Condotte Slow Food sono state preziose risorse e nel caso di Massa Marittima addirittura capofila del progetto stesso. Le Condotte si sono rivelate  estremamente importanti per la corretta realizzazione del progetto, costituendo anche un filo conduttore comune a tutti i Paesi. Que sto ci ha fatto ri-scoprire quanto la cultura del cibo sia un collante forte e comune per riuscire a conoscere e scoprire culture anche molto diverse. Il lavoro con i detenuti è stato per tutti entusiasmante, la loro partecipazione e il loro interesse più forti di quanto potessimo aspettarci: abbiamo scoperto che anche in carcere il cibo unisce, rappresentando condivisione e allo stesso tempo recupero delle proprie radici. 
 

/en/file/2jpg-82.jpg

 

Il Progetto Taste of Freedom si è concluso nel mese di Maggio, con un meeting finale che si è svolto tra l’Isola d’Elba e Massa Marittima, i due partner italiani del progetto. Inoltre, mercoledì 22 Luglio 2015, una delegazione della Cooperativa Beniamino (uno dei partner del progetto che ha assiduamente collaborato con la Condotta Elba e Capraia) accompagnata da un referente dell’area trattamentale della casa di reclusione di Porto Azzurro ha presentato ad EXPO 2015, nell’ambito di un work shop organizzato dai referenti della nuova piattaforma EPALE “L’educazione degli adulti per un’alimentazione e un acquisto consapevole nei progetti europei” il Progetto Taste of Freedom, con grande soddisfazione da parte di tutti.

 

/en/file/3jpg-23.jpg

  

/en/file/4png-34.png

 

La presentazione ad EXPO 2015 di Taste of Freedom, nell’ambito di un seminario che riguarda l’educazione permanente agli adulti, ha avuto il principale scopo di raccontare l’esperienza del cibo in carcere e di ciò che esso rappresenta. Dato il tema di EXPO, parlare di Taste of Freedom ha rappresentato una grande occasione per far comprendere che si può fare educazione alimentare a tutti i livelli, stringendo legami e relazioni importanti, anche e soprattutto cominciando a raccontarsi attraverso il cibo…

/en/file/tasteexpojpgtaste_expo.jpg

 

 

 
 
Resurssin tekijä(t): 
Veronica Cornaggia - Vice Presidente della Cooperativa Beniamino
Julkaisupäivämäärä:
Tiistai, 26 tammikuu, 2016
Asiakirjan kieli
Resurssin tyyppi: 
Muu
Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn