chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE

Euroopa täiskasvanuhariduse veebikeskkond

 
 

Ajaveeb

Apprendimento informale, ossigeno per una società dell'apprendimento permanente

08/08/2019
looja Alessandra Cecc...
Keel: IT
Document available also in: EN DE EL ET HU CS SK

/et/file/informal-learningInformal learning

Informal learning

Michael Kenny prende in esame il ruolo sottovalutato dell'apprendimento informale nel creare una società dell'apprendimento permanente.

La strategia Europa 2020, che cerca di trasformare l'UE in "un'economia intelligente, sostenibile e inclusiva che fornisca elevati livelli di occupazione, produttività e coesione sociale", rappresenta uno sviluppo significativo della politica sociale all'interno dell'UE, progettata per sviluppare un approccio più equilibrato e sostenibile per il futuro. Adottata nel 2010, la sua inclusione di obiettivi volti ad aumentare l'occupazione, migliorare l'istruzione e ridurre la povertà e l'esclusione sociale sono considerati significativi perché evidenziano l'importanza degli obiettivi della politica sociale nella visione per il futuro benessere dell'Europa.

Ma il suo obiettivo del 15% di adulti impegnati nell'apprendimento permanente è problematico in quanto tiene conto solo dell'apprendimento formale e non formale.

/et/file/adult-learning-participationAdult learning participation

Adult learning participation

In questo articolo chiedo "Non dovremmo prestare maggiore attenzione all'apprendimento informale come ossigeno per una società dell'apprendimento permanente?"

Come ha sottolineato Andrew Bollington (Global Head of Research and Learning, LEGO Foundation) in una nota dell'OCSE sulle imprese: perché non tutti imparano per tutta la vita? "Essere istruiti non riguarda più quanto sai, ma avere le capacità e la motivazione per l'apprendimento permanente in modo da poter apprendere nuove conoscenze ogni volta che è necessario."

L'importanza dell'apprendimento informale

Il Rapporto di ricerca sull'educazione degli adulti 2017 del Central Statistics Office (CSO) della Repubblica d'Irlanda rileva che "l'apprendimento informale è una scelta più popolare delle attività educative formali o non formali" e ha riferito che oltre il 60% degli irlandesi di età compresa tra 25 e 64 anni ha partecipato all'educazione informale.

Le tendenze in Europa sono simili con un tasso di partecipazione del 60,5% in tutta l'UE-28, come misurato dall'Indagine sull'istruzione degli adulti nel 2016. Naturalmente ci sono variazioni, con Cipro che registra quasi il 100% di partecipazione e la Lituania che registra il 22%.

/et/file/adult-learning-surveyAdult learning survey

Adult learning survey

Forme di apprendimento informale

L'apprendimento svolto utilizzando i computer (online o offline) è stato il più popolare secondo l'82,2% degli intervistati coinvolti nell'educazione informale in Irlanda. Le persone più giovani hanno maggiori probabilità rispetto alle persone anziane di apprendere in modo informale utilizzando un computer, e quelle con una laurea con lode di terzo livello o superiore avevano hanno tre volte più probabilità rispetto a quelle con un'istruzione primaria o inferiore di impegnarsi nell'apprendimento informale (Figura 7 sotto per l'Irlanda).

/et/file/types-informal-learningTypes of informal learning

Types of informal learning

Definire l'apprendimento informale

Nel suo glossario il Cedefop definisce l'apprendimento informale come "[A]pprendimento derivante da attività quotidiane legate al lavoro, alla famiglia o al tempo libero. Non è organizzato o strutturato in termini di obiettivi, tempo o supporto all'apprendimento. Nella maggior parte dei casi, l'apprendimento informale non è intenzionale dal punto di vista dello studente."

Un'attività di apprendimento è considerata informale quando:

  • Non è fornito da un'istituzione. L'individuo determina cosa, quando e dove del loro apprendimento;
  • L'apprendimento generalmente non porta a una qualifica riconosciuta a livello nazionale;
  • Non è generalmente di natura gerarchica;
  • Non ci sono requisiti di ammissione o processi di registrazione perché può verificarsi in famiglia, sul posto di lavoro e nella vita quotidiana di ogni persona, come autoapprendimento o per iniziativa familiare o sociale.

L'apprendimento informale si riferisce generalmente ad attività diverse da quelle ritenute obbligatorie (incluso lo studio autonomo e i compiti a casa). Questi sono riportati sotto l'apprendimento formale e non formale. Le attività di educazione informale sono generalmente svolte:

  •  imparando da un membro della famiglia o un amico;
  •  utilizzando materiale stampato come libri o riviste;
  •  attraverso la televisione, la radio o il video;
  •  utilizzando i computer.

L'apprendimento informale avviene al di fuori delle scuole e deriva dal coinvolgimento in attività che non sono intraprese a fini di apprendimento. Il Manuale sulla classificazione delle attività di apprendimento (CLA), edizione 2016, osserva che esiste un criterio fondamentale che distingue l'apprendimento informale dall'istruzione e dalla formazione (formale e non formale) rappresentato dal fatto che l'attività di apprendimento sia istituzionalizzata o meno.

Pertanto, è una parte accidentale, involontaria e inevitabile della vita quotidiana; a volte chiamata "esperienza".

Possiamo davvero separare l'apprendimento formale, non formale e informale?

L'apprendimento informale avviene parallelamente, e si sovrappone, all'apprendimento formale o non formale. Quando perseguiamo consapevolmente qualsiasi obiettivo di apprendimento, non possiamo fare a meno di imparare cose che non fanno parte di tale obiettivo. Esempi di apprendimento non formale in cui avviene l'apprendimento informale includono sessioni di nuoto per bambini piccoli, programmi sportivi basati sulla comunità e programmi in organizzazioni come boy scout e club giovanili, gruppi di comunità, corsi non accreditati di istruzione per adulti, sport o programmi di fitness, seminari professionali in stile conferenza, ecc.

Stephen Billett nel suo Learning Throughout Working Life: Interdependencies at work [Apprendere durante la vita lavorativa: le interdipendenze sul lavoro, ndr] del 2001 mette in discussione una separazione forzata dell'apprendimento in formale, non formale e informale. Afferma che tutte le attività umane sono apprendimento - tutto ciò che facciamo comporta un processo di apprendimento. Billett suggerisce che la maggior parte dell'apprendimento avviene all'interno di organizzazioni o comunità sociali e al di fuori dell'istruzione formale. Rifletto spesso su quanto ho appreso attraverso il mio coinvolgimento in organizzazioni comunitarie non formali, molta parte l'ho poi applicata alla mia vita professionale.

Le ICT hanno contribuito in modo significativo alla mia opportunità di apprendere attraverso gli interstizi del mio mondo frenetico. Può essere un brano musicale, una poesia, una notizia di attualità, o come svolgere un compito immediato. Ad esempio, sono uno studente visivo e utilizzo YouTube apprendere inforlmanete ogni giorno.

Un patrimonio educativo (informale)

YouTube è sempre più una fonte di apprendimento informale. Le cifre sono sbalorditive. Il numero totale di persone che usano YouTube è di 1.300.000.000 e 300 ore di video vengono caricate su YouTube ogni minuto. Uno studio di ricerca statunitense del 2018 ha rilevato che il 51% degli utenti di YouTube afferma di fare affidamento sul servizio video per imparare a fare cose nuove: l'apprendimento informale.

Di seguito è riportato un esempio: "La prima volta che ho indossato una cravatta ho caricato un video di YouTube. Ogni volta che voglio fare qualcosa di nuovo con un programma come Ableton, Premiere o Photoshop, eseguo una ricerca su YouTube. Ho imparato anche a cucinare alcune cose dai video di YouTube. Questi sono solo alcuni tipi di ricerche educative che sono disposto ad ammettere; ce n'erano troppe imbarazzanti che porterò con me nella tomba. Ma non sono il solo a usare YouTube come una sorta di scuola digitale."

Per ulteriori esempi di apprendimento informale sulla piattaforma EPALE consultare:

L'apprendimento informale come ossigeno per una società dell'apprendimento permanente

Quindi, questo post è una riflessione a favore di un maggiore riconoscimento dell'apprendimento informale e non formale come ossigeno per una società dell'apprendimento permanente. È un argomentazione per attivare creatività, curiosità e democrazia nell'apprendimento e prendere le distanze da un sistema di certificazione formalizzato principalmente incentrato sulla promozione di un'economia ad alto tasso di occupazione.

Un tasso di partecipazione del 15% non è ambizioso: dovrebbe essere del 95% e abbracciare l'apprendimento informale.

Cosa ne pensi?

Condividi le tue storie di apprendimento informale!


Michael Kenny è un educatore per adulti e di comunità con un interesse particolare per la partecipazione attiva. La sua formazione è agricola e rurale all'interno di una famiglia di migranti dell'Irlanda occidentale. La sua istruzione superiore è una laurea in scienze agrarie (BAgrSc 1980), master in sviluppo rurale (MAgrSc 1990) e un diploma superiore in istruzione superiore (HDHE1998). La sua esperienza è lavoro giovanile, lavoro di comunità in Irlanda e Africa (7 anni) e ampio impegno con organizzazioni rurali e urbane formali, non formali e volontarie.

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn
  • Kasutaja Michael Kenny pilt
    Dear Andreas. Thank you for your comment.

    We are all always learning. Indeed it is a learning for me to post on EPALE and to get responses from people like you and Gabriella. I learn from this. I hope by stimulating comment I learn more. In particualr I want to take feedback on peoples' opinion and then ask myself how can I encourage greater recogntion of non-formal and in-formal learning.

    Michael
  • Kasutaja Gabriella Longu pilt
    "Apprendimento informale, ossigeno per una società dell'apprendimento permanente", già il titolo dell'articolo è una sintesi di quanto penso dell'apprendimento informale: ossigeno. Avere l'opportunità di valorizzare quanto uno apprende informalmente sarebbe uno stimolo per tanti che pensano di non valere. Uno strumento potente per aiutare tutti coloro che hanno abbandonato e abbandonano i percorsi tradizionali di studio, a costruirsi autostima e aumentare le possibilità di trovare un posto di lavoro o semplicemente aiutarli nella ripresa della propria vita. Crescendo l'autostima la persona acquisisce la consapevolezza che se vuole può e se può potrà farcela come tanti altri. E' sufficiente pensare ai tantissimi giovani e meno giovani fuori ormai da contesti formali (NEET) che magari hanno appreso da autodidatti tutta una serie di competenze digitali ma non le valorizzano e nessuno li aiuta a valorizzarle. Quanti giovani hanno abbandonato la scuola perché avevano difficoltà ad inserirsi nei processi istituzionali e a rispettarne le regole? Quante persone hanno la passione per cucinare ma non hanno nessun titolo perché hanno imparato da sole o appunto con you tube...io credo che proprio in virtù di tante persone che ho incontrato nelle aule giovani e meno giovani il riconoscimento delle competenze acquisite informalmente sia realmente un passo avanti verso un maggiore rispetto degli esseri umani e delle loro potenzialità. Speriamo che anche in Italia possa velocemente diventare un processo a cui facilmente chiunque potrà accedere.
  • Kasutaja Michael Kenny pilt
    Dear Gabriella, greetings. Thank you for your considered comment.

    I note you say
    "the recognition of the informally acquired skills is really a step towards greater respect for human beings and their potential"

    This is insightful and important. In my post I sought to question why we are so limiting of the learning ability and frequency of our fellow Europeans. Why do we only report on the formal education acahievements?

    I suggest that by only focusing on the formal data there is a implicit push towards valuing accredited learning over any other learning. This devalues unacredited learning.

    Gabriella you also say that having the opportunity to value what one learns informally would be a stimulus for many who think they have not learned validly, as a help all those who have abandoned traditional study paths, to build self-esteem for the purposes of finding a job or simply helping them in their life's recovery. So true.

    Therefore we must push for non-formal and in-formal learning recognition but not by forcing such leanring to be assessed as formal leerning is assessed.

    Apologies I cannot reply in Italian.

    Michael
  • Kasutaja Andreas Koreimann pilt
    Ständig informell Leben lernen!