chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up home circle comment double-caret-left double-caret-right like like2 twitter epale-arrow-up text-bubble cloud stop caret-down caret-up caret-left caret-right file-text

EPALE - Plataforma electrónica dedicada a la enseñanza para adultos en Europa

Sala de prensa

Scambio culturale ITALIA - ISRAELE dal 12 al 16 novembre 2017 - Udine

17/11/2017
por Debora Aiello
Idioma: IT

Dal 13 al 15 novembre 2017 l'Università delle LiberEtà del FVG ha organizzato uno scambio culturale Italia-Israele, in collaborazione con l'Unione nazionale israeliana per le pari opportunità, con il comune di Modi'In (Israele), con l’ANCI nazionale israeliano e con l’Unità Epale Italia e con la Direzione centrale istruzione, formazione e orientamento della Regione FVG.

Prologo dell'iniziativa

L’Università delle LiberEtà ha un rapporto lungo oltre 10 anni con gli Enti israeliani impegnati nel campo dell'Educazione degli Adulti e della parità di genere e dal 2010 è gemellata con il Centro Multidisciplinare di Modi'In, la cui presidente, Orna Mager, già membro della commissione parlamentare Pari Opportunità, é stata più volte insignita del premio nazionale "Donna dell'anno". 

Successivamente il gemellaggio si è esteso alla città stessa, il cui sindaco é anche presidente dell'ANCI nazionale israeliano e alla città arabo-israeliana di Dabburiya. 

Su sollecitazione di Orna Mager (Assessora alle pari Oppurtunità per la sua città) è stata costituita l'associazione nazionale delle assessore di parità. Questo organismo, che si riunisce periodicamente, é estremamente interessante perché vi sono rappresentate tutte le etnie e le religioni presenti in Israele: ci sono consigliere arabe, cattoliche, druse, ebree ortodosse, ecc. 

Durante un incontro in Israele, a maggio 2017, Pina Raso - Presidente dell'Università delle LiberEtà e ambasciatrice EPALE - è stata invitata, insieme alla Dirigente Regionale Ketty Segatti, a tenere una conferenza per trattare il tema della formazione degli adulti in un contesto multiculturale e multietnico, anche in un’ottica di parità di genere. La proposta ha suscitato grande entusiasmo e partecipazione al punto che si è ritenuto opportuno centrare sul tema delle pari opportunità l'abituale scambio periodico tra Israele e l'Università delle LiberEtà. Sono state invitate a Udine tutte le assessore di parità e il presidente dell’ANCI nazionale israeliano. Il sindaco di Udine, Furio Honsell, ha ritenuto di voler collaborare e ha delegato l'Assessora alle Pari Opportunità Cinzia Del Torre che ha proposto di inserire l'evento nell'ambito dell'annuale manifestazione cittadina centrata sulla violenza alle donne "Passi Avanti". 

 

Finalmente lo scambio!

I mesi di lavoro per concertare tutte le numerose parti in campo sono passati velocemente e si è giunti alla fatidica data dell'arrivo della delegazione Israeliana nella città di Udine, calorosamente accolte dal Sindaco di Udine Furio Honsell.

Alla presenza del presidente dell’ANCI regionale, Mario Pezzetta, dell'Assessora comunale alle Pari Opportunità Cinzia del Torre, di Rivi Cohen Geva - capo dello staff del sindaco di Modi’in e presidente nazionale dell’ Anci israeliano, Mr Haim Bibas, di Anat Livnat - coordinatrice dell’Associazione Nazionale Israeliana delle Assessore per le Pari Opportunità, Ruth Dayan Madar - rappresentante della federazione delle autorità locali israeliane, Responsabile degli affari sociali, Orna Mager e Pina Raso, è stato posizionato il primo, fondamentale, mattone di questa collaborazione con la firma di un Protocollo di collaborazione per lo scambio di esperienze sulla governance degli enti locali. Obiettivo a lungo termine: uno scambio di buone prassi nella governance delle comunità locali.

/es/file/img20171114115058094jpg-0img_20171114_115058094.jpg

Firma del protocollo di collaborazione Israele - Anci Friuli Venezia Giulia

Sono state anche gettate le basi per un progetto di scambio competenze e esperienze per la promozione nella nostra regione della cittadinanza attiva attraverso la learning city. Tale progetto elaborato da Ketty Segatti -  Vice direttore generale regionale, direzione istruzione, formazione e orientamento, e finanziato dalla Regione FVG e è stato argomentato e dibatutto nel workshop "Educazione degli Adulti del sistema non formale, Learning City e Learning Region, un possibile protocollo di collaborazione" con Orna Mager, quale capofila delle learning city israeliane, insieme alle rappresentanti dell’ANCI israeliano.

Nel pomeriggio  ha preso il via l'animato Convegno "Mondi di Donne a confronto" e la tavola rotonda "La parità delle donne in famiglia e nel lavoro. A che punto siamo? Confronto sulle politiche in Italia e in Israele". Questo specifico evento ha avuto la collaborazione di un gran numero di partecipanti italiani quali:

  • il Comune di Udine con il sindaco Honsel e l'Assessora Cinzia Del Torre,
  • la Regione Friuli Venezia Giulia con Annamaria Poggioli, Presidente della commissione Pari Opportunità e la Commissaria di parità Roberta Nunin, oltre che a Ketty Segatti Vice Direttore generale regionale, direzione istruzione, formazione e orientamento;
  • Daniela Ermini e Alessandra Ceccherelli per l’Unità Epale Italia;
  • SeNonOraQuando di Udine con l'intervento della Persidente Andreaina Baruffini;
  • Soroptimist di Udine.

La delegazione isreaeliana era composta da:

  • Orna Mager direttrice del centro Multidisciplinare di Modi'in in Isreaele, promotrice del modello di sviluppo della Learning citi a Modi'in, direttrice del centro iseraliano delle Learning cities e della rete nazionale delle Learning cities, Assessora alle Pari Opportunità; 
  • Nili Alon Assessora Regionale di Mateh Asher; 
  • Orli Aviva Halabi consigliera del sindaco di Rehvot sulla condizione femminile;
  • Chava Moscovitz assessora ebrea osservante; 
  • Badia Khniffis Assessora del comune di Shafraam; 
  • Salwa Knaan Assessora araba;
  • Hiba Salhalha Assessora drusa; 
  • Anahr Marsarwa assessora araba; 
  • Anat Livnat Coordinatrice dell'associazione nazionale Israeliana delle assessore alle Pari Opportunità; 
  • Ruti Sofer, assessora del comune di Tel AVIV sulle questioni femminili e di genere; 
  • Rivi Cohen Geva capo staff dell'ufficio del sindaco di Modi'in haim bibas, dipartimento affari esteri; 
  • Ruth Dayan Madar rappresentante della federazione delle autorità israeliane, responsabile degli affari sociali.

 

/es/file/23519110786112321593223202085050482091909njpg23519110_786112321593223_202085050482091909_n.jpg

Le delegate della Union of Mayoral Advisor on the Status of Women in Israel con Pina Raso e l'interprete, Raffaella Scardi

Durante l'intero, intenso, pomeriggio è emerso un clima di collaborazione, unità nelle diversità e grandi testimonianze: si è avuto modo di scoprire un mondo femminile finora a noi sconosciuto e ricco di idee e progetti.

Tra i diversi appuntamenti con enti e istituzioni, è stato estremente stimolante quello a Gorizia, con le studentesse del corso "Comunicazione e mediazione interculturale” a cura della prof.ssa Antonella Pocecco, corso di Laurea Magistrale in “Comunicazione Integrata per le imprese e le organizzazioni”. Questa "lezione" ha suscitando grande interesse nelle studentesse: è stato straordinario vedere l’assessora di Tel Aviv fare da interprete ad alcune assessore di piccoli centri o un’ebrea ortodossa fare lo stesso con un’assessora araba.

Cosa resta?

L’organizzazione ha richiesto un lavoro straordinario per mesi e mesi: decine e decine di mail, di cambiamenti di programma, di adattamenti, di traduzioni e di ritraduzioni, inevitabili, visto che stavamo pianificando un incontro con le più importanti autorità israeliane in campo femminile e con l’ANCI nazionale di quel Paese.

Le persone che hanno incontrato la delegazione israeliana sono rimaste affascinate dalla straordinaria esperienza e solidarietà che è emersa dai loro interventi, per non parlare dell’entusiasmo per quella che è stata unanimemente ritenuta un’esperienza unica. 

Di questa esperienza conserviamo il clima, la simpatia, la voglia di lavorare insieme nella diversità. Rimangono i protocolli di intesa e collaborazione firmati. Assistiamo all'abbrivio di un progetto multilaterale, guidato da un dirigente regionale. Si consolida maggiormente un rapporto tra Università delle LiberEtà del FVG e il Centro Multidisciplinare di Modi'In, che ha la forza di andare oltre la propria missione (educazione degli adulti) per toccare temi altri e alti come integrazione, pari opportunità e uguaglianza con il sogno di travalicare gli stati nazionali e renderlo un obiettivo universale.

 

/es/file/236587387852280950149792143538599148675194njpg23658738_785228095014979_2143538599148675194_n.jpg

Anat Livnat e il sindaco Honsell

/es/file/pinaorna-jpgpina_orna-.jpg

Pina Raso e Orna Mager

 

 

 

 

 

 

 

 

 

/es/file/erminiudinejpgermini_udine.jpg

Daniela Ermini, Unità Epale Italia, con il Sindaco di Udine, Pina Raso e Orna Mager

 

 

 

Share on Facebook Share on Twitter Epale SoundCloud Share on LinkedIn Share on email
Refresh comments Enable auto refresh

Mostrando del 1 - 1 al 1
  • Imagen de Alessandra Ceccherelli
    Abbiamo avuto l'onore, come Epale Italia, di partecipare a questo incontro che sancisce formalmente l'avvio di una collaborazione che si prospetta complessa, articolata e fruttuosa.
    In Israele sono presenti sperimentazioni concrete di governance partecipata che il comune di Udine in primis e l'Anci regionale attraverso l'impegno sottoscritto dal suo presidente, si ripropongono di studiare, condividere e attuare nel proprio contesto. L'aspetto che interessa Epale è quello di fare dell'apprendimento permanente il filo conduttore per le scelte rivolte alla partecipazione sociale, alla ridefinizione degli spazi cittadini e alle politiche locali, per riportare l'attenzione sui bisogni delle persone e consentire loro il pieno sviluppo delle competenze. E per dare così vita a una "città che apprende".
    Dal nostro punto di vista, di osservatorio e raccolta di pratiche che valorizzano le migliori scelte di policy in ambito AdultLearning, ci impegnamo a dare seguito ai contatti stabiliti e visibilità a questo processo a livello nazionale.