Direkt zum Inhalt
Blog
Blog

Il progetto DiM e i suoi futuri orizzonti

Il progetto Erasmus+ DiM è nato nel 2018 e quest'anno vedrà la nascita della piattaforma multimediale interattiva open-source incentrata sulla diffusione della conoscenza delle diverse lingue parlate dai nostri studenti, attraverso l’utilizzo di un dizionario multimediale corredato di audio e immagini e di approfondimenti linguistici che propone sin da ora alcune attività utilizzabili nella didattica in classe.

immagine del mare con sopra scritta la parola mare in diverse lingue
Il progetto Erasmus+ DiM, a cui ho preso parte sin dal principio, è nato nel 2018 per un’idea della scuola capofila, Il CPIA di Avellino in collaborazione con il CPIA di Benevento e di Ravenna e a cui hanno partecipato diverse realtà che si occupano come noi dell’educazione degli adulti anche all’estero: Focus Future Ltd di Malta, 36.6 CC dalla Scozia, Active Citizens Partnership dalla Grecia, IMS Research and Development Centre da Cipro. Quest'anno  il progetto vedrà la nascita della piattaforma multimediale interattiva open-source incentrata sulla diffusione della conoscenza delle diverse lingue parlate dai nostri studenti, attraverso l’utilizzo di un dizionario multimediale corredato di audio e immagini e di approfondimenti linguistici che propone sin da ora alcune attività utilizzabili nella didattica in classe.

Il dizionario è attualmente ancora un demo, ma è già possibile visionarlo ed utilizzarlo andando al seguente indirizzo: www.dimprojet.net . Il sito internet illustra bene il tipo di lavoro che si è voluto fare e la valenza non solo di strumento operativo, ma anche di condivisione della ricchezza linguistica che ci circonda. É un’esperienza che consiglio di fare a tutti, quella di visitare il sito e mostrarlo agli studenti. Quest’anno ho avuto l’occasione di utilizzarlo con una mia classe di studenti dai 16 anni in su che frequentavano il potenziamento linguistico per l’italiano per poter poi affrontare meglio il percorso di primo livello sulla scuola media. L’esperienza si è rivelata davvero entusiasmante; all’interno della mia classe erano presenti diversi studenti madrelingua wolof, una delle lingue da noi raccolta per il progetto e attraverso l’utilizzo del dizionario e delle sue proposte di didattica ludica, si è predisposta poi un’attività che portasse gli studenti a presentarsi nella propria lingua madre, poi in italiano e infine in inglese. Attraverso il dizionario è scaturita infatti la curiosità fra gli studenti di sentire almeno il suono della lingua madre di ciascun componente della classe. Il valore aggiunto di questo dizionario è quello di esser stato costruito, proprio a partire dalle voci dei nostri studenti. Risulta chiaro che l’intento non è assolutamente quello di avere un dizionario che raccolga tutte le lingue minori e per minori intendiamo solamente lingue poco conosciute o con pochi parlanti, sarebbe un lavoro infinito - anche se sarebbe certamente bello poter continuare a collaborare con altre associazioni o enti che si occupino di educazione ad adulti per allargare sempre di più gli orizzonti linguistici -  ma qui la profondità e il peso dell’opera è quasi simbolico; da questo piccolo strumento si vuole partire per creare curiosità linguistica e per dare maggiore importanza ad ogni lingua e alla sua possibile diffusione. Ogni lingua è infatti intima espressione culturale e sia essa poco o tanto parlata, molto o per nulla scritta, contiene in sé i semi di un pensiero che ci porta altrove.

Ringrazio il Cpia di Avellino, nella persona di Lia Pensabene, la docente che per prima ha avuto l’intuizione di poter costruire un’opera tanto bella a partire dal basso, per avermi convinta a prendere parte a quest’avventura. Il viaggio è solo appena iniziato e io invito, chi abbia interesse a collaborare anche oltre la fine del progetto, a contattare il CPIA di Avellino, attuale custode di questa splendida piattaforma.

Login (0)

Want to write a blog post ?

Don't hesitate to do so! Click the link below and start posting a new article!

Neueste Diskussionen

EPALE 2021 Schwerpunktthemen. Fangen wir an!

Das vor uns liegende Jahr wird wahrscheinlich wieder sehr intensiv, und daher laden wir Sie ein, es mit Ihren Beiträgen und Ihrer Expertise zu bereichern. Beginnen Sie doch einfach, indem Sie an unserer Online-Diskussion teilnehmen. The Online-Diskussion findet am Dienstag, dem 09. März 2021 zwischen 10.00 und 16.00 Uhr statt. The schriftliche Diskussion wird mit einem vorgeschalteten Livestream eröffnet, der die Themenschwerpunkte für 2021 vorstellt. Die Hosts sind Gina Ebner und Aleksandra Kozyra von EAEA im Namen der EPALE Redaktion. 

Zusätzlich

EPALE Diskussion: Vermittlung von Grundkompetenzen

Grundkompetenzen sind transversal. Sie sind nicht nur relevant für die Bildungspolitik,  sondern auch für Beschäftigungs-, Gesundheits-, Sozial- und Umweltpolitiken. Der Aufbau schlüssiger Politikmaßnahmen, die Menschen mit Grundbildungsbedürfnissen unterstützen, ist notwenig, um die Gesellschaft resilienter und inklusiver zu gestalten. Nehmen Sie an der Online-Diskussion teil, die am 16. und 17. September jeweils zwischen 10.00 und 16.00 Uhr auf dieser Seite stattfindet. Die Diskussion wird von den EPALE Thematischen Koordinatoren für Grundkompetenzen, EBSN, moderiert. 

Zusätzlich

EPALE Diskussion: Die Zukunft der Erwachsenenbildung

Am Mittwoch, dem 8. Juli 2020, lädt EPALE von 10.00 - 16.00 Uhr zu einer Online Diskussion zur Zukunft der Erwachsenenbildung ein. Wir wollen über die Zukunft des Bildungssektors Erwachsenenbildung sowie die neuen Chancen und Herausforderungen diskutieren. Gina Ebner, EPALE-Expertin und Generalsekretärin der EAEA, moderiert die Diskussion.

Zusätzlich