Přejít k hlavnímu obsahu
Blog
Blog

Educare in carcere: un'indagine in corso su criticità e buone prassi

Cosa significa educare in carcere? Come si educa? L’istruzione formale e non formale nei contesti penitenziari sarà oggetto di studio e ricerca a partire da gennaio 2016 in previsione del seminario nazionale tematico EPALE dedicato all’educazione in carcere e previsto nel mese di aprile a Napoli.

 

Cosa significa educare in carcere? A cosa si educa? Come si educa?

L’istruzione formale e non formale nei contesti penitenziari sarà oggetto di studio e ricerca a partire da gennaio 2016 in previsione del seminario nazionale tematico EPALE dedicato all’educazione in carcere e previsto nel mese di aprile a Napoli.

L’Unità italiana di EPALE ha iniziato un’indagine sulle azioni formative ed educative che riguardano i detenuti, il lavoro è in atto in collaborazione con gli Uffici Scolastici Regionali, il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Firenze - stakeholder della piattaforma a livello nazionale- vari docenti, operatori e formatori dei carceri di Sollicciano, Rebibbia, Ferrara, Pescara, Pozzuoli e altri ancora,

Gli ambasciatori Horacio Czertok, del Teatro Nucleo di Ferrara, Fausta Minale, docente della Casa Circondariale di Pozzuoli, e Manuela Sebeglia, attiva di numerosi progetti europei sul carcere, operano giornalmente con i detenuti, tuttavia tutti gli ambasciatori EPALE stanno svolgendo un lavoro di ricognizione sullo stato dell’arte dei percorsi formativi in carcere nelle loro regioni di appartenenza.

Durante un primo incontro di lavoro tenutosi a Firenze si è parlato dei corsi scolastici negli istituti carcerari in base alla nuova riforma dei CPIA, dei laboratori teatrali e musicali e dei progetti europei attivi in alcune carceri italiane. Ma si è parlato anche della normativa, dei diritti dei detenuti spesso violati nei sistemi di giustizia penale, dei complessi rapporti con la polizia penitenziaria, dell’inadeguatezza degli spazi dediti alla formazione, della mancanza di flessibilità nella gestione degli orari scolastici in carcere.

Rispondere ai bisogni formativi dei detenuti e dei docenti in carcere, questo il punto di partenza per eliminare un carcere che non riabilita, ma esclude ed emargina.

Il nostro invito a collaborare si apre a tutti coloro che tramite EPALE e il futuro seminario di Napoli vogliono diffondere progetti validamente testati riguardanti l'istruzione in carcere!

Per contattarci, rispondete a questo post con un commento.

Oppure trovate i nostri recapiti nella pagina dell'Unità nazionale EPALE Italia.

 

Martina Blasi

 

Immagini tratte da Premio Letterario Goliarda Sapienza Racconti dal Carcere

Login (0)

Users have already commented on this article

Chcete-li psát komentáře, přihlaste se nebo zaregistrujte.

Want to write a blog post ?

Don't hesitate to do so! Click the link below and start posting a new article!

Nejnovější diskuze

EPALE diskuse: rozvíjení dovedností pro zdravý život v éře COVIDU!

Join the discussion and be prepared for livestream (live broadcast)!

Více

EPALE 2021 tematická zaměření. Začínáme!

Zveme vás, abyste svými příspěvky a odbornými znalostmi obohatili rok, který nás čeká! Začněme tím, že se zapojíme do této online diskuse. Online diskuse se bude konat v úterý 9. března 2021 od 10:00 do 16:00 SEČ. Písemnou diskusi představí přímý přenos s úvodem k tématickým okruhům roku 2021 a za redakční radu EPALE ji budou hostit Gina Ebner a Aleksandra Kozyra z EAEA.

Více

Diskuse EPALE: základní dovednosti a jejich osvojení

Základní dovednosti jdou napříč různými sférami života. Nejenže se přirozeně pojí se vzděláváním, ale zasahují rovněž do oblasti zaměstnanosti, zdraví a ochrany životního prostředí. Opatření na podporu lidí, kteří potřebují získat základní dovednosti, jsou proto naprosto nezbytná, máme-li mluvit o spravedlivější a inkluzivnější společnosti. Zúčastněte se online diskuse, která se bude konat na zde na EPALE 16. a 17. září mezi 10:00 a 16:00 SEČ. Diskusi budou moderovat tematičtí koordinátoři EBSN.

Více

Nadcházející události